I’m Only Dancing (The Soul Tour 74): nuovo live

0
David-Bowie-i'm-only-dancing-lp-cd-soul-tour-74 record store day

“I’m Only Dancing (The Soul Tour 74)” è un nuovo album dal vivo in edizione limitata che sarà pubblicato in occasione del Record Store Day il prossimo 18 Aprile 29 Agosto. 

Il nuovo live del 74

Si intitola I’m Only Dancing (The Soul Tour 74) la nuova pubblicazione che sarà pubblicata dalla Parlophone il prossimo 18 Aprile 29 Agosto in occasione del Record Store Day.

Oltre al già annunciato CHANGESNOWBOWIE, quindi, i fan più appassionati potranno acquistare anche questo doppio LP o doppio CD. Le registrazioni, recita il comunicato stampa, “mai sentite prima” e “recentemente scoperte nel David Bowie Archive”.

David Bowie i'm only dancing lp cd soul tour 74 record store dayLa fonte è l’esibizione di David al Michigan Palace di Detroit del 20 ottobre 1974. Al set completo mancava però il brano Diamond Dogs, purtroppo registrata solo in parte. Per rimediare a ciò, si è deciso d’includere i bis della performance al Municipal Auditorium di Nashville del 30 novembre 1974 tra cui appunto Diamond Dogs. L’inclusione di questi bis, con brani come Knock On Wood e il medley Foot Stomping / I Wish I Could Shimmy Like My Sister Kate, permette anche di avere una rappresentazione più completa della setlist del Soul Tour.

Non si tratta, è naturale, di cose totalmente inedite per i fan più accaniti o “mai sentite prima”. Seppure in forma parziale, qualcosa di questa data aveva già visto la luce del sole su alcune pubblicazioni non autorizzate.

Tre tour in uno

Nel 1974 Bowie intraprende, ufficialmente, due tour. Il primo, il Diamond Dogs Tour, è in promozione dell’omonimo album e gira gli Stati Uniti per poco più di un mese. Tra giugno e luglio Bowie si esibisce con un apparato scenico imponente. La scaletta è perlopiù incentrata sull’ultimo album, Diamond Dogs. Il tour si ferma per un mese e mezzo durante l’estate. Durante queste sei settimane, succedono due cose molto importanti. La prima è che il rapporto con il manager DeFries si fa ancora più teso sfiorando la rottura. La seconda è che a Philadelphia entra in studio per registrare un nuovo album. È la svolta soul di Young Americans e la seconda leg del tour rispecchia il cambiamento. Dalla scaletta spariscono molti vecchi brani più coreografici. La band cambia radicalmente includendo i membri delle session di Young Americans. Vengono aggiunti brani dal nuovo album, ancora inediti. Il tour viene rinominato The Soul Tour (tra i fan è anche definito Philly Dogs Tour). C’è una nuova pausa di qualche settimana prima di ripartire per una terza leg. Durante questa pausa, l’imponente scenografia che aveva accompagnato il tour viene smantellata, la band è nuovamente rivista come anche gli arrangiamenti. Vengono inclusi ancora più brani da Young Americans.

David-Bowie-i'm-only-dancing-lp-cd-soul-tour-74-record store day 3I’m Only Dancing (The Soul Tour 74) è la seconda pubblicazione ufficiale tratta dalla tournèe del 1974. L’anno scorso è stata infatti preceduta da Cracked Actor (Live Los Angeles ’74), uscito anch’esso per il RSD. È un incredibile documento storico di un performer e di una band all’apice della propria potenza live. L’artwork per entrambe le uscite in doppio LP e duplice CD è basato sul design originale dei Tour Program disponibili nelle sale per le date del Soul Tour. The Soul Tour ha assunto uno status mitico tra i fan di Bowie, poiché ha visitato meno di venti città dell’est e del sud degli Stati Uniti. Con questa pubblicazione viene praticamente completata la testimonianza live di quel tour: l’album ufficiale David Live immortala la fine della prima parte del tour, registrato a Luglio 74. Il precedente Cracked Actor (Live Los Angeles ’74) testimonia la seconda parte, con il concerto di Los Angeles di settembre 74. E I’m Only Dancing (The Soul Tour 74) la terza e ultima parte, con questa registrazione di Ottobre e Novembre, la parte più Soul del tour del 74.

I’m only Dancing (The Soul Tour 74)  – Tracklist

[tabs type=”horizontal”]
[tabs_head]
[tab_title] CD [/tab_title]
[tab_title] VINILE[/tab_title]
[/tabs_head]
[tab]

CD 1

  1. Introduction – Memory Of A Free Festival
  2. Rebel Rebel
  3. John, I’m Only Dancing (Again)
  4. Sorrow
  5. Changes
  6. 1984
  7. Moonage Daydream
  8. Rock ’n’ Roll With Me
  9. Love Me Do / The Jean Genie
  10. Young Americans

CD 2

  1. Can You Hear Me
  2. It’s Gonna Be Me
  3. Somebody Up There Likes Me
  4. Suffragette City
  5. Rock ’n’ Roll Suicide
  6. Panic In Detroit
  7. Knock On Wood *
  8. Foot Stomping / I Wish I Could Shimmy Like My Sister Kate / Foot Stomping *
  9. Diamond Dogs / It’s Only Rock ‘n’ Roll (But I like It) / Diamond Dogs *

Registrato al Michigan Palace, Detroit il 20 Ottobre 1974 e * al Municipal Auditorium, Nashville il 30 Novembre 1974.

[/tab]
[tab]

LP Lato 1

  1. Introduction – Memory Of A Free Festival
  2. Rebel Rebel
  3. John, I’m Only Dancing (Again)
  4. Sorrow
  5. Changes
  6. 1984

LP Lato 2

  1. Moonage Daydream
  2. Rock ’n’ Roll With Me
  3. Love Me Do / The Jean Genie
  4. Young Americans

LP Lato 3

  1. Can You Hear Me
  2. It’s Gonna Be Me
  3. Somebody Up There Likes Me
  4. Suffragette City

LP Lato 4

  1. Rock ’n’ Roll Suicide
  2. Panic In Detroit
  3. Knock On Wood *
  4. Foot Stomping / I Wish I Could Shimmy Like My Sister Kate / Foot Stomping *
  5. Diamond Dogs / It’s Only Rock ‘n’ Roll (But I like It) / Diamond Dogs *

Registrato al Michigan Palace, Detroit il 20 Ottobre 1974 e * al Municipal Auditorium, Nashville il 30 Novembre 1974.

[/tab]
[/tabs]

Musicisti

David Bowie – Voce, chitarra acustica 12 corde, armonica

The Mike Garson Band:

Earl Slick – Chitarra

Carlos Alomar – Chitarra

Mike Garson – Piano, Mellotron

David Sanborn Sassofono, flauto

Pablo Rosario – Percussioni

Emir Ksasan – Basso

Dennis Davis – Batteria

Cori- Warren Peace, Anthony Hinton, Luther Vandross, Ava Cherry, Robin Clark e Diane Sumler

Acquisto

Come tutte le pubblicazioni del Record Store Day, verranno prima distribuite ai negozi fisici e dopo un po’ compariranno sui consueti canali di vendita online. Al momento non si hanno maggiori informazioni sul prezzo.

#BowieIOD74 #CHANGESNOWBOWIE #BowieRSD20 #BowieIIAW

[toggle title=”ARTICOLI CORRELATI CHE TI POTREBBERO INTERESSARE SU QUESTO SITO” state=”open”]

Cracked Actor in CD e altre uscite

Due nuove uscite in vinile per il Record Store Day 2017

Young Americans Lo Speciale: A plastic soul trip

[/toggle]

Is It Any Wonder? il 20 Marzo in CD e LP

0
David Bowie Is It any wonder cd vinile vinyl ep 3

L’EP digitale Is It Any Wonder diventerà anche fisico: sarà pubblicato il prossimo 20 Marzo in CD e Vinile.

david bowie is it any wonder ep cd vinile vinylOggi è stata pubblicata la sesta e ultima traccia dell’EP digitale Is It Any Wonder?, distribuito gratuitamente online tramite le consuete piattaforme di streaming musicale. Ma è anche di oggi la notizia che farà contenti i collezionisti: la pubblicazione, il 20 Marzo, in formato CD e vinile.

Coloro che non si accontentano dell’ascolto gratuito dei brani potranno acquistare la propria copia esclusivamente tramite il sito ufficiale e il sito della Warner.

La traccia pubblicata oggi, The Man Who Sold The World (Live Eno Mix), uscì nel 1995 come lato B del CD singolo di Strangers When We Meet e sul 45 giri di colore verde. Questa versione del leggendario brano del 1971 è basata sul radicale riarrangiamento eseguito per il tour mondiale in promozione di Outside. Brian Eno ha dato una nuova forma, remissato ed ha eseguito delle sovraincisioni a questa versione live nei Westside Studios di Londra il 30 Ottobre 1995. Sul suo diario annota, all’epoca: “ho aggiunto alcune tracce vocali e un contrattempo sonoro, e ho scolpito un po’ il pezzo in modo che avesse più contorno“.

Il formato fisico dell’EP Is It Any Wonder? includerà Fun (Clownboy Mix) al posto di The Man Who Sold The World (ChangesBowie version), pubblicata in digitale ma che troveremo appunto su CD e LP di CHANGESBOWIE in uscita il 18 Aprile.

Fun (Clownboy Mix) è una versione rivisitata di Fame che, durante i club set dell’Earthling Tour, veniva eseguita con il nome Is It Any Wonder?.

La base e le sequenze sono state prodotte agli studios Factory di Dublino durante le prove pre-tour all’inizio del 1997. Una versione live di Fame, registrata al Paradiso di Amsterdam il 10 Giugno 1997 fu successivamente sviluppata ulteriormente da Mark Plati e Reeves Gabrels ai Looking Glass Studios di New York.

Si era pensato di includerla anche nell’album Liveandwell.com, uscito in esclusiva per il BowieNet. Il brano si evolse successivamente fino a diventare un brano liricamente e musicalmente diverso da Fame. Il Clownboy mix precedentemente è apparso solo nel 1998 su un CD-Rom esclusivo per gli abbonati al BowieNet.

The Man Who Sold The World (Live Eno Mix) è prodotto da David Bowie, e missato da Brian Eno. La traccia include cori di Eno, Gail Ann Dorsey al basso e alla voce, Peter Schwartz ai sintetizzatori, Zachary Alford alla batteria, Carlos Alomar alla chitarra e Reeves Gabrels alla chitarra e alla voce.

Fun (Clownboy Mix) è prodotta da David Bowie, Reeves Gabrels e Mark Plati. Fu registrata da Steve Guest e Mark Plati e missata da Danny Saber agli Ocean Way Recording a Maggio 1998. Nella traccia troviamo Zachary Alford alla batteria, Gail Ann Dorsey al basso e voce, Mike Garson al piano, Reeves Gabrels alla chitarra e voce e  Mark Plati alle tastiere.

TRACKLIST “IS IT ANY WONDER?”

LATO A 

  1. Baby Universal ‘97
  2. Fun (Clownboy Mix)
  3. Stay ’97

LATO B

  1. I Can’t Read ’97
  2. Nuts
  3. The Man Who Sold The World (Live Eno Mix)

ASCOLTATE LE TRACCE DIGITALI

Per chi finora non ha seguito le pubblicazioni settimanali che andavano a comporre l’EP digitale di Is It Any Wonder?, ve le riportiamo qui sotto.

The Man Who Sold The World (ChangesNowBowie Version)

Baby Universal ‘97

 

Stay ’97

I Can’t Read ’97

Nuts

The Man Who Sold The World (Live Eno Mix)

ACQUISTO

E’ già possibile pre-ordinare Is It Any Wonder? attraverso il sito ufficiale di Bowie www.davidbowie.com e il sito della Warner Music. Non sarà, per il momento, distribuito attraverso i consueti canali di vendita. Immaginiamo che però approderà anche su quelli in una seconda fase.

Eccovi i link per l’acquisto:

Sito Ufficiale Bowie: LINK

Sito Ufficiale Warner: LINK

Alabama Song Picture Disc il 14 febbraio per l’ anniversario

0
Alabama Song Picture Disc David Bowie 40° limited edition

Il 14 febbraio 2020 uscirà su etichetta Parlophone il picture disc 7” ‘Alabama Song’ in edizione limitata, in occasione del  quarantesimo anniversario dalla sua pubblicazione.

DAVID BOWIE – ALABAMA SONG PICTURE DISC 40° ANNIVERSARIO

Alabama Song, conosciuta anche come Moon of Alabama, Moon over Alabama, e Whisky Bar è la versione inglese di una poesia scritta da Bertold Brecht, tradotta dal tedesco nel 1925 dalla sua collaboratrice Elisabeth Hauptmann, e poi messa in musica da Kurt Weill per l’ opera Ascesa e caduta della città di Mahagonny del 1930.

Il brano venne immortalato per la prima volta dalla moglie di Weill, l’attrice e cantante austriaca Lotte Lenya. La sua leggendaria interpretazione, gelida e distaccata, ne sancì per sempre il senso di alienazione e decadenza. Fu resa poi popolare dalla cover dei Doors che la incisero per il loro primo album del 1967. David Bowie, che da sempre era influenzato da Brecht, la inserì nella scaletta dell’ Isolar II Tour del 1978.

Lotte Lenya in Alabama song nel 1930

Jim Morrison in Alabama Song nel 1967

Lato A Alabama Song Picture Disc David Bowie 40° anniversarioNel lato A del picture-disc è incisa la versione in studio di Alabama Song. Fu registrata il 2 luglio 1978 ai Good Earth Studios di Soho (Londra) di Tony Visconti, il giorno dopo l’ultimo concerto della parte europea del tour. Fu pubblicata ufficialmente per la prima volta nel febbraio del 1980.

Sul retro troviamo invece due tracce inedite.

Lato AA Alabama Song Picture Disc David Bowie 40° anniversarioLa prima è Joe the Lion, il brano tratto dall’album “Heroes”, registrato durante il sound-check dell’ultimo concerto del tour Isolar II a Earl’s Court, il primo luglio 1978. Nonostante le prove, Joe the Lion, non fece il suo debutto fino al tour Serious Moonlight del 1983.

La seconda traccia del lato B è una versione live di Alabama Song registrata il primo luglio 1978 – una performance diversa di quella contenuta nell’album live Welcome To The Blackout.

Una curiosità, nel caso siate tra i pochissimi che ascoltano questi picture-disc: il lato A è a 45 giri, mentre il lato B (ora chiamato AA) è a 33 giri. Pertanto ricordatevi di cambiare la velocità di riproduzione sul vostro giradischi!

TRACK-LIST DI ALABAMA SONG LIMITED EDITION 40th ANNIVERSARY 7″ PICTURE DISC 

Lato A (45 r.p.m)
ALABAMA SONG
(Kurt Weill / Bertolt Brecht)
Prodotto da David Bowie e Tony Visconti
Registrato a Good Earth Studios, Londra, il 2 luglio 1978

Lato AA1 (33 1/3 r.p.m)
JOE THE LION (inedito)
(LIVE EARLS COURT ’78 SOUNDCHECK)
(David Bowie)
Registrato dal vivo da Tony Visconti con il Manor Mobile at Earl’s Court, Londra, 1 luglio 1978  – Ingegnere del Suono Jeremy Allom e Ken Capper
Missaggio di John Prestage all’ Air Studios, Londra, luglio 2019

2 ALABAMA SONG (inedito)
(LIVE EARLS COURT ’78)
(Kurt Weill / Bertolt Brecht)
Prodotto da DAVID BOWIE
Registrato dal vivo da Tony Visconti con il Manor Mobile a Earl’s Court, Londra, 1 luglio 1978 – Ingegneri del Suono: Jeremy Allom e Ken Capper
Missaggio di David Bowie e David Richards al Mountain Studios, Montreux, 17 – 22 gennaio 1979.

Le immagini utilizzate sul picture disc sono per il lato A di Dean Chamberlain © The David Bowie Archive® e sul lato AA di Chris Walter © Chris Walter Courtesy of Getty Images

IL VIDEO

Qui sotto una delle più belle versioni di Alabama Song eseguita da David Bowie nel 1978 al Musik Laden:

ACQUISTA

Il picture disc di Alabama Song è già disponibile al pre-ordine, al prezzo di circa 18 euro, su Amazon:

David Bowie | Gli eventi di febbraio 2020

0
VG eventi febbraio 2020 David Bowie tributo
Artwork di Alessandra Bigatti

Ecco gli eventi tributo a David Bowie che si terranno in giro per l’ Italia nel mese di Febbraio 2020 e che abbiamo selezionato per voi. In primo piano la presenza del grande maestro Sukita alla mostra di Salerno “Stardust. Bowie by Sukita”.

STARDUST BOWIE BY SUKITA | LA VISITA DI SUKITA

Fino al 27 febbraio 2020 – Palazzo Fruscione, Via Adelberga 24, Salerno

Stardust Bowie by Sukita Salerno Eventi febbraio 2020 David BowieContinua al Palazzo Fruscione di Salerno la mostra Stardust Bowie by Sukita, una retrospettiva di circa 100 fotografie dedicata al quarantennale rapporto professionale e personale tra David Bowie e il maestro della fotografia giapponese Masayoshi Sukita, organizzata dall’ associazione culturale Tempi Moderni e ONO arte contemporanea, con il supporto della Regione Campania.

Nella giornata di chiusura il 27 febbraio il Maestro Sukita sarà presente in mostra per un firmacopie e un talk con il pubblico.

Alla mostra è inoltre collegato, a esclusiva cura di Tempi Moderni, un ricco programma di talk, concerti, proiezioni cinematografiche con presentazioni d’autore che va sotto il nome di Racconti del Contemporaneo – IV edizione, Lights on Mars, dal 5 gennaio al 27 febbraio.

Calendario eventi febbraio: Musica: link   Talk: link   Cinema: link

La mostra è visitabile nei seguenti giorni e orari:
– dal Martedì al Venerdì dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 20.00. – Sabato e Domenica orario continuato dalle 10.00 alle 19.00 – Lunedì chiuso. Biglietto 10 Euro.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

FRANCESCO MOLINARI IN BOWIE NIGHT

Mercoledì 5 febbraio 2020 alle ore 21:30 – Velvet Cafè, Via San Francesco 86, Castellaneta (TA)

Francesco Molinari Taranto Eventi Febbraio 2020 David Bowie tributoSerata dedicata al cantautorato con Francesco Molinari. L’artista tarantino pubblica nel 2010 il primo album in studio sotto il nome di Arevortik. Nella sua carriera musicale ha avuto l opportunità di esibirsi con artisti come Fame di Camilla, Giorgio Ciccarelli (ex Afterhours), Vanilla Sky e la band californiana The Adolescents. Alla ricerca di nuovi stimoli, si trasferisce a Londra dove realizza un videoclip di “Heroes”,girato tra Camden e Brixton come tributo a David Bowie (link)

Infoline: 0998442942

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

ANDY & LIVE BAND – THE DAVID BOWIE SHOW

Venerdì 7 febbraio 2020 ore 21:00 – Auditorium Arcangelo Corelli, vicolo Belletti n. 2, Fusignano (RA)

Andy Bluvertigo Bowie Show Fusignano eventi febbraio 2020 David Bowie tributoAndy Bluvertigo cerca di cogliere alcuni dei momenti salienti della carriera di Bowie, di seguire le tracce secondo una sua interpretazione personale, rispettando il maestro, senza fare il verso o volerlo in qualche modo emulare.

Da Station to Station a Space Oddity, da Stay a Ashes to Ashes per finire con Lazarus, il concerto si muove in ordine sparso nel tempo.
Non mancano le grandi hit, e neanche alcune perle meno celebrate.

Ingresso Euro 12,00. Info e prenotazioni: Urp tel. 0545.955653/668

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

KILLER STAR – TRIBUTO A DAVID BOWIE

Sabato 8 febbraio 2020 ore 22.30 – Rock’n Roll Club,  via  magenta 77/7,  Rho (MI)

Killer Star Rho eventi febbraio 2020 david bowie tributoDavid Live, Live at Loreley, Reality Tour sono solo alcuni dei concerti a cui si ispirano le versioni dei Killer Star rendendo omaggio a David Bowie.

Una serata sotto il segno dell’artista che ha influenzato in modo determinante la musica rock e pop di ieri e di oggi.

Dopo il live rock, indie & alternative dj set fino alle 3:00, con dj Marikey

Ingresso libero.

Possibilità di cena al locale. Prenotazione consigliata. Info e prenotazioni: www.rocknrollrho.it

Evento facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

STAGE BOWIE A CELEBRATION

Sabato 22 febbraio 2020 ore 21:30 – Tana Del Luppolo, Piazzale P.Diacono, 10, Udine

Stage Bowie Udine Eventi Febbraio 2020 David Bowie TributoGli Stage Bowie propongono un tributo a David Bowie ispirato al Live del festival di Glastonbury del 2000.

Nuovo repertorio e special guest nella serata Heroes and Rebels.

Info e prenotazioni tel 0432 204553
Ingresso libero.

Evento facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

MORGAN & THE WHITE DUKES – TRIBUTO A DAVID BOWIE

Venerdì 28 febbraio 2020 ore 21:30 – Auditorium San Domenico, Largo Federico Frezzi 8, Foligno

Morgan Foligno eventi febbraio 2020 David Bowie tributoIn esclusiva per l’ umbria, l’esibizione di Morgan & The White Dukes vuole essere una condivisione tra coloro che riconoscono in David Bowie una forma d’arte contaminata che si può definire “teatro del rock” con pezzi che forse quasi nessuno conosce, che dimostrano l’elevata capacità di rendere la diversità in arte unica e affascinante.

Non è solo musica è un racconto di vita che ognuno di noi, forse un pezzettino, ha dentro di sé.

Costo biglietti: I° Settore Numerato- 33€ +dp – II° Settore Numerato – 28€ +dp

Prevendite: Ticket Italia e Ticket One

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

DAVID BOWIE DAYS – TRIBUTO A DAVID BOWIE E ALLA SACRA TRIADE

Venerdì 28 febbraio 2020 ore 21.30 – Virgin Rock Pub, Via Dell’Agnolo 78/r, Firenze

Bowie Days Firenze Eventi febbraio 2020 David Bowie TributoBowie Days è un duo che esegue in versione acustica canzoni del repertorio di David Bowie e degli altri due artisti della cosiddetta Sacra Triade o Sacred Triangle ovvero Lou Reed e Iggy Pop. Lorenzo Fusi canta e suona la chitarra acustica mentre Alessio Colosi Ultimarata, alla voce, accompagna alle percussioni e alla stomp box.

La particolarità del duo risiede nel fatto che entrambi i membri sono cantanti esperti e le loro performance richiamano spesso atmosfere alla Simon and Garfunkel. Anche la scaletta è piuttosto originale e comprende canzoni poco coverizzate di Bowie come Fantastic Voyage, Funtime, Cracked Actor e una versione “notturna” di Let’s Dance.

Ingresso libero.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

 

 

 

 

Se avete eventi da segnalare e materiale da inviare per questa rubrica, scrivete entro il 25 del mese precedente a info@davidbowieitalia.it

Bowie. La biografia a fumetti di Allred e Horton

0
VG Bowie biografia a fumetti Allred Horton
Artwork di Alessandra Bigatti

Il 10 gennaio scorso è stata pubblicata la biografia a fumetti di David Bowie dal titolo “Bowie. Stardust, rayguns and moonage daydream” di Michael Allred, affermato disegnatore statunitense, coadiuvato dall’amico sceneggiatore Steve Horton. Un libro capace di entusiasmare tutti i fan di Bowie, anche chi non è esperto di fumetti, per le spettacolari illustrazioni e la coinvolgente storia di Mr. Jones alias Ziggy Stardust. Ecco la recensione di Filippo Conte.

copertina allred horton bowie biografia a fumetti Da quando è stata annunciata dallo stesso Mike Allred, “Bowie. Stardust, rayguns and moonage daydream” ha goduto dell’attesa incontenibile dedicata ai blockbuster: ogni indiscrezione, ogni indizio e ogni pagina presentata in anteprima, non hanno fatto altro che aumentare l’hype del pubblico, sia dei comics sia dell’immortale artista. Sono numerose le biografie a fumetti di musicisti celebri, ma nessuna è figlia di un’unione tanto inevitabile: poteva e doveva essere solo Allred a raccontare Bowie.

Possiamo affermare che le aspettative non sono state deluse, anzi non è azzardato definire il libro già un classico assoluto per lo spessore narrativo che si lega all’incredibile resa grafica. E’ un nuovo apice per l’artista statunitense, che riesce a coronare la sua più grande aspirazione professionale.

Madman allred horton bowie biografia a fumetti Già, perché questo libro si potrebbe dire che sia stato concepito nel 1974, quando in un paese dell’Oregon il giovanissimo Michael sogna di poter creare una storia a fumetti sul suo rocker preferito, e addirittura, sempre da quanto rivela lo stesso autore nell’appassionata postfazione, la sua carriera artistica probabilmente ha origine dalla rivelazione bowiana. Non si stenta a crederlo, considerato che la rincorsa verso il suo artista-mito durerà anni e produrrà opere notevolissime. Madman, ad esempio, è una lunga run divisa in vari cicli di miniserie e racconta le avventure di Frank Einstein, una sorta di Aladdin Sane (sia nelle fattezze sia nel concetto espresso dal gioco di parole originale) che si ritrova catapultato in avventure ai limiti del surreale, con molte derivazioni della sci-fi classica anni ’50 – ’60. Romantico, onirico e deliziosamente pop, con innumerevoli rimandi all’icona-Bowie, Madman ha un successo enorme, probabilmente il più eclatante per un comics della scena indipendente; come d’altronde l’altra sua opera originale, quel Red Rocket 7, che ripercorre l’epopea di un alieno che cadde sulla terra e si innamora del rock and roll. E ovviamente incontra David Bowie, rileggendo Ziggy Stardust da una prospettiva ribaltata.

illustration 1 allred horton bowie biografia a fumetti Dunque il giorno arriva: sollecitato e supportato dall’amico sceneggiatore Steve Horton, Mike Allred dà vita a questa graphic novel, compiendo finalmente il proprio destino.

Allred sa che l’incipit dovrà essere glorioso e intensamente riflessivo: è così che sceglie l’ultimo concerto di Ziggy Stardust. Da questo momento-evento, un attimo prima di proclamare la fine del suo personaggio, la narrazione procede a ritroso attraverso gli occhi “non corrispondenti” di Bowie che, in un solo battito, quasi a rivedere la propria vita prima di morire, torna a essere David Jones, il giovane che sognava di fare della sua esistenza un’opera d’arte dirompente. L’intreccio si sviluppa così in un unico flashback, passando davanti agli occhi negli ultimi istanti di vita che Bowie concede al suo alter ego, una consapevolezza della necessità di morte per arrivare a una nuova vita (o più correttamente, a nuove vite).

illustration 2 allred horton bowie biografia a fumetti Sono pagine immediatamente travolgenti, nelle quali la rigorosa ricostruzione storica convive con lo stupore immaginifico della rappresentazione visiva, ma in un equilibrio dinamico che solo il mezzo-fumetto riesce a conquistare. Non si riconoscono i confini tra la riproduzione del fatto realmente accaduto e le concessioni della fiction, che ha la funzione di legare gli eventi in un unicum sognante, fatto di suoni e visioni, che escono letteralmente fuori dalla pagina. Sound and Vision.

Ogni passaggio cruciale nella vita e nelle scelte di David è riportato con dovizia di particolari, come se fosse un unire i puntini per giungere solo alla fine al disegno originale: troviamo quindi lo squillo casuale del telefono in Life on Mars?, la nascita e l’evoluzione del rapporto professionale e di amicizia con Mick “Ronno” Ronson, più di un “prettiest sideman”, e di quelli che sembrano essere semplici cameo gustosi di altre star, come Elton John, Alice Cooper e ovviamente Lou Reed, la “Queen Bitch”, ma che in realtà rientrano nell’alchimia di un mito.

illustration 4 Marc Bolan allred horton bowie biografia a fumetti Discorso a parte in questo senso è il rapporto con Marc Bolan, raccontato in un apparente secondo piano, solo suggerito in alcuni passaggi, ma decisivo e ideale nel rappresentare quella duplice dinamica di due amici che si trovano in una rivalità professionale, più per eventi esterni che per scelte personali. Gli sguardi e le parole che si scambiano i due sono minimi, ma si intuisce il mondo che vi è dietro.

Allred è abile a lavorare quindi sia nelle pieghe meno evidenti, che nelle esuberanze, come nelle strepitose costruzioni della tavola, con soluzioni ardite e spettacolari, ma mai superflue, mantenendo uno storytelling esemplare, che rende la narrazione fluida e incredibilmente equilibrata. Anche nei passaggi più onirici, quello della creazione di Ziggy Stardust, rappresentato genialmente con un parallelo messianico-artistico, oppure nella fedele riproduzione di ogni vestito di scena di Bowie, una passerella di stili e colori.

illustration 3 blackstar allred horton bowie biografia a fumetti Un caleidoscopio tanto ipnotico, quanto percorso da una struttura solida, cadenzata anche dalle riproduzioni delle riviste del tempo, in un moltiplicarsi continuo di fama ed eccessi, un manifesto della  sfrontatezza glam del protagonista.

Un’opera quindi che va oltre il tributo, va oltre la ricostruzione didascalica di eventi e protagonisti, e sa donare, nella forma del fumetto, la più congeniale come afferma anche Neil Gaiman nell’introduzione, un’esperienza rara e completa.

Almeno fino a quando Allred e Horton non decideranno di raccontare anche cos’è successo dopo la fine di Ziggy Stardust, come si potrebbe già ammirare nelle incantevoli ultime tavole, dei collage a tutta pagina fitti di ogni evento e incarnazione della vita e dell’arte di Mr. David Jones di Bromley, colui che sarà sempre “l’uomo delle stelle”.

Questo è David Bowie.

Filippo Conte

Panini case copertina allred horton bowie biografia a fumetti

“Bowie.Stardust, Rayguns, & Moonage Daydreams” è stato pubblicato negli Stati Uniti il 10 gennaio 2020 dalla casa editrice Insight Editions. La traduzione italiana esce quasi in contemporanea con l’edizione inglese per la Panini Comics, in un esclusivo case in pvc che la destinerà a diventare un imperdibile volume da collezione, e si differenzia dalla versione inglese per le pagine leggermente più strette. Completano la graphic novel di Allred e Horton la prefazione di Neil Gaiman e la postfazione dello stesso Mike Allred.

[toggle title=”ARTICOLI CORRELATI CHE TI POTREBBERO INTERESSARE SU QUESTO SITO” state=”open”]

Linus: la rivista di fumetti dedica il primo numero del 2020 a David Bowie

Bowie e i fumetti: ben 3 omaggi a David in questi giorni

I Libri su David Bowie pubblicati in italiano  

[/toggle]

Style and Vision: concorso di moda per David Bowie

0
VG Concorso David Bowie Monsummano Style and Vision Moda

AGGIORNAMENTO 6 APRILE 2020

I TERMINI PER IL CONCORSO SONO STATI AGGIORNATI A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID-19. ECCO LE NUOVE DATE E IL BANDO DI CONCORSO AGGIORNATO:

Mercoledi 28 ottobre 2020: scadenza presentazione dei bozzetti

Mercoledi 4 novembre 2020: comunicazione dei nominativi dei concorrenti selezionati per la fase finale.

Il vincitore del concorso sarà decretato da una Giuria di esperti, al termine dell’evento che si terrà presso il Teatro Yves Mondand di Monsummano Terme in data da definire (indicativamente nella prima metà del mese di dicembre 2020)

I bozzetti pervenuti nei termini precedentemente indicati saranno a tutti gli effetti acquisiti. Non occorrerà quindi un re-invio da parte del concorrente.

Gli organizzatori ribadiscono il forte desiderio e impegno per confermare lo svolgimento della manifestazione nel corso dell’anno 2020 e si augurano un’entusiastica partecipazione.

[divider style=”double” top=”20″ bottom=”20″]

Il Comune di Monsummano Terme indice un concorso di moda volto alla realizzazione di capi ispirati a David Bowie e realizzati esclusivamente con materiali eco-sostenibili. I modelli una volta realizzati parteciperanno alla sfilata “Style and Vision” che si terrà nel Parco Bowie in occasione della II°edizione della manifestazione “L’uomo caduto su Monsummano Terme” dove una giuria di esperti nominerà il vincitore del premio di 1000 €. Ecco i dettagli dell’iniziativa e il bando di concorso per partecipare.

Concorso David Bowie Monsummano Style and vision modaIl Comune di Monsummano Terme è stato il primo in Italia a intitolare un luogo a David Bowie. Lo ha fatto lo scorso anno inaugurando il Parco Bowie del Museo di Arte Contemporanea e del Novecento durante la manifestazione “L’uomo che cadde su Monsummano Terme” che ha celebrato il 50° anniversario del primo passaggio in Italia di David Bowie per partecipare al “Festival Internazionale del Disco” di Monsummano Terme nel 1969.

Il piccolo comune toscano non si è fermato qua. Ha deciso di rendere che la manifestazione dovesse diventare un evento annuale in promozione della cultura e dell’arte,  con particolare attenzione verso l’universo artistico giovanile.

In occasione della II° edizione dell’ “Uomo che cadde su Monsummano Terme“, il Comune, in collaborazione con Officine della Cultura, ha indetto un concorso di moda  il cui tema è la realizzazione di modelli ispirati agli abiti, ai costumi o ai diversi look utilizzati da David Bowie nei videoclip delle sue canzoni e tour. Per rendere il concorso ancora più in linea con l’artista inglese che ha sempre avuto lo sguardo rivolto al futuro, gli abiti dovranno essere realizzati tassativamente con tessuti e materiali eco-sostenibili.

Costumi Concorso David Bowie Monsummano Style and Vision ModaNel corso della sua lunga carriera David Bowie ha utilizzato molteplici maschere, affiancando a ogni cambiamento artistico incredibili cambi d’immagine, adottando costumi o abiti che hanno inevitabilmente influenzato la moda e lo stile d’intere generazioni, e sono stati fonte d’ispirazione per stilisti e designer di tutto il mondo. Molti sono gli stilisti che gli hanno reso omaggio tra cui: Alexander McQueen, Yamamoto Kansai, Dries van Noten, Jean-Paul Gaultier, Givenchy, Tommy Hilfiger, Armani e tanti altri.

Il concorso è rivolto a studenti e diplomati di Scuole e Università di  design, moda e modellistica.

Boys Keep Swinging Concorso David Bowie Monsummano Style and Vision ModaI candidati dovranno presentare entro il 6 Marzo 2020 i modelli su carta, per poi essere ammessi alla fase finale di realizzazione degli abiti che sfileranno al Parco Bowie nell’ambito della seconda edizione della manifestazione che si terrà indicativamente verso fine maggio o primi di giugno a Monsummano Terme. Al termine della sfilata una giuria di esperti decreterà il vincitore che riceverà in premio una borsa di studio del valore di 1000 euro.

I dettagli della manifestazione non sono ancora stati resi noti. Sappiamo però che a latere di questo evento saranno previste altre iniziative che vedranno la partecipazione di personaggi del mondo dello spettacolo, che arricchiranno il programma di questa edizione dedicata a David Bowie.

Il bando di concorso in PDF è scaricabile sul sito www.bowiemonsummanoterme.it

Per informazioni rivolgersi a Segreteria organizzativa: segreteria@bowiemonsummanoterme.it

Velvet Goldmine è disponibile a supportare i partecipanti con informazioni, materiale illustrativo e consulenza su David Bowie.

[toggle title=”ARTICOLI CORRELATI CHE POTREBBERO INTERESSARTI SU QUESTO SITO” state=”open”]Un parco e un concerto per Bowie a Monsummano Terme

Bowie a Monsummano Terme Luglio 1969[/toggle]

Christiane F. : noi, i ragazzi dello zoo di Berlino. La serie TV

0
VG Christiane F. Noi i ragazzi dello zoo di berlino serie tv david bowie

“Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino” diventerà una serie TV. Ispirata all’omonimo romanzo e prodotta da Constantin Television ed Amazon Studios, arriverà entro la fine del 2020. Luca Maffei ci racconta quello che si sa al momento.

Christiane F. Noi I ragazzi dello zoo di berlino serie tv David Bowie
La prima edizione italiana del 1981

Il 2020 promette di riservarci altre sorprese in ambito cinematografico e televisivo: è infatti in arrivo una serie TV tedesca ispirata a Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino. Il film del 1981 era basato sulla storia vera di Christiane Vera Felscherinow raccontata dai giornalisti Kai Hermann e Horst Rieck nel romanzo cult pubblicato nel 1978. La pellicola ha contribuito in maniera determinante a fissare nell’immaginario collettivo il rapporto tra David Bowie e la città di Berlino grazie a un’eccezionale colonna sonora e a un indimenticabile cameo dello stesso Bowie, che appare in scena cantando Station to Station durante un concerto.

Al momento non si conoscono tutti i dettagli. Quello che sappiamo per certo è che la serie televisiva in arrivo, che conterà otto episodi, non sembra avere legami diretti con il film. È un nuovo adattamento del romanzo che intende concentrarsi non solo sulla giovane protagonista, ma sull’intero gruppo di amici della ragazza. Proprio per questo il titolo dovrebbe essere semplicemente Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino. Presentata dai produttori come “provocatoria e controversa”, questa nuova serie TV intende fornire un quadro degli scenari della droga e dei locali di Berlino attraverso un ambizioso racconto corale ambientato in un tempo indefinito (anche se la prima immagine diffusa sembra far trasparire un certo look anni settanta dagli abiti dei protagonisti).

Nuovo Cast Christiane F. Noi i ragazzi dello zoo di berlino serie tv
Il cast della nuova serie

Co-prodotta da Constantin Television ed Amazon Studios, Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, dovrebbe approdare sui nostri schermi verso la fine del 2020. La regia è di Philipp Kadelbach. Nei panni di Christiane troviamo l’attrice Jana McKinnon, mentre il resto del cast comprende Michelangelo Fortuzzi (Benno), Jeremias Meyer (Axel), Lea Drinda (Babsi), Lena Urzendowsky (Stella) e Bruno Alexander (Michi).

Noi, naturalmente, attendiamo di scoprire se ci sarà spazio per David Bowie anche in questo nuovo show televisivo. Siamo sicuri che troveranno il modo per rendere omaggio al Duca Bianco.

Nel video qui sotto potrete rivedere l’indimenticabile sequenza tratta dal film originale di Uli Edel, nella quale David Bowie canta Station to Station:

La sequenza di questo cameo fu girata a New York nel 1980, dove Bowie era impegnato a Broadway con The Elephant Man, su un set costruito per l’occasione.  In jeans e giubbotto rosso, Bowie muoveva le labbra in sincrono con la versione di Station To Station contenuta nell’ album Stage. Quel set fu poi usato per girare il video di Fashion.

Christiane F. noi i ragazzi dello zoo di berlino colonna sonora David Bowie serie tvLa colonna sonora del film Christiane F. Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, pubblicata in Germania nell’aprile 1981 dalla RCA, presenta brani del periodo berlinese (1976-1979) di David Bowie. Oltre alla versione integrale di Helden/Heroes (versione tedesca di “Heroes”), l’album include canzoni tratte dagli LP Station to Station (TVC15 e Stay, single edit), Low (Warszawa), “Heroes” (V-2 Schneider e Sense of Doubt), Stage (Station to Station) e Lodger (Boys Keep Swinging e Look Back in Anger). Nel Regno Unito l’album non ha mai avuto una pubblicazione ufficiale, nonostante sia stato importato da Germania, Francia (dove il film fu chiamato Moi, Christiane F., 13 ans, droguée, prostituée…) e Italia.

Luca Maffei

Linus: un numero dedicato a David Bowie

0
VG Linus rivista fumetti david bowie
Illustrazione di Grazia La Padula

Linus, la famosa rivista di fumetti e costume, dedica il primo numero di questo nuovo anno a David Bowie. Disponibile a gennaio in edicola, vede tra gli altri la partecipazione di Grazia La Padula, una Velvetgoldminer dai primi anni di vita del Fan Club che ci ha regalato per l’occasione l’illustrazione della testata di questo articolo. Ecco la recensione di Filippo Conte, esperto di fumettologia e ovviamente grande fan di Bowie.

Copertina Linus rivista fumetti David Bowie Gennaio 2020Possiamo dire che il mese di Gennaio sia ormai dedicato a David Bowie. Tra le numerose celebrazioni, anche la storica Linus, “rivista di fumetti e altro”, dedica il suo primo numero dell’anno a “l’uomo che venne dalle stelle”, come riportato nella bellissima copertina di Todd Alcott, l’illustratore che ha trasformato le canzoni del Duca Bianco in evocative quanto affascinanti copertine di romanzi pulp.

L’introduzione di Igort, fumettista celeberrimo nonché direttore editoriale della rinnovata testata, sintetizza in maniera perfetta cosa abbia rappresentato Bowie per il mondo e quanto sia difficile definirlo, se non nell’idea del cangiante perpetuo, come lo stesso artista sardo suggerisce: è in quest’ottica che si può intendere il suo apporto che, travalicando i confini della musica, ha saputo aprirsi a tutte le influenze dell’immaginario, dal cinema al teatro, fino anche ai fumetti. Linus appare quindi come una piattaforma perfetta per riuscire a comprenderne e contenere la sua fenomenologia.

Illustrazione La Tram Linus rivista fumetti David Bowie
Illustrazione di La Tram per Linus

Le 24 pagine dedicate cercano di celebrare ognuna di questa sfaccettature, affidandosi a nomi di eccezione per raccontarne il mito, nonché a fumettisti ed illustratori per la parte visiva. Il risultato finale è sicuramente intenso e di rilievo, con picchi assoluti come la testimonianza di Fernanda Pivano, ripresa dal suo contributo del 1995 come introduzione a 1.Outside; ma forse sembra non corrispondere pienamente alle premesse dettate dall’editoriale di Igort.

Analizzando più nel dettaglio, emerge sicuramente un’appassionata celebrazione, come le parole di Miro Sassolini, storica voce della new wave italiana, o i fumetti di Lorenzo Mò, Grazia La Padula o Josephine Yole Signorelli (alias Fumettibrutti), tre giovani autori che si sono affermati negli ultimi anni. Il tutto a comporre un quadro generale che risulta incompleto rispetto alle aspettative. È certamente arduo riuscire a illustrare il concetto di Bowie o a fornire nuovi punti di

Ukiyo_e Project - Immagine di Ishikawa Masumi Linus rivista fumetti David Bowie
Ukiyo_e Project – Immagine di Ishikawa Masumi

vista (in questo senso è molto gustoso l’approfondimento del bravo Adriano Ercolani sul rapporto con il Giappone), ma probabilmente, consci anche del valore e delle possibilità di Linus, ci saremmo aspettati

qualcosa in più. Magari un po’ più spazio ai fumetti, con qualche nome “grande” della scuderia Oblomov (magari lo stesso Igort) ad affiancare i 3 citati, e sicuramente almeno un riferimento in più dal punto di vista del Cinema o delle uscite musicali, considerate le rubriche dedicate, presenti ogni mese nella rivista.

Inoltre sarebbe stato congeniale che la rivista faro dei fumetti d’Italia, almeno menzionasse Michael Allred, fumettista statunitense che in più lavori ha reso centrale l’ispirazione bowiana (Madman, ma anche il bellissimo Red Rocket 7) e che ha realizzato, di imminente uscita anche in Italia proprio in questi giorni di celebrazione, l’opera definitiva dedicata alla vita e alle imprese del nostro Starman.

In definitiva ci è sembrato che, pur con alcune tracce veramente apprezzabili, questo numero tributo sia riuscito solo in parte, proprio perché consapevoli delle potenzialità non pienamente messe a frutto.

Filippo Conte

CHANGESNOWBOWIE e EP digitale nel 2020

2

CHANGESNOWBOWIE, le registrazioni radiofoniche acustiche del 1997, saranno pubblicate in CD e vinile in occasione del Record Store Day. Altre sei tracce inedite usciranno nell’arco delle prossime sei settimane sulle piattaforme di streaming come EP digitale dal titolo David Bowie Is It Any Wonder?. Oggi è il turno del brano The Man Who Sold The World.

In occasione del 73esimo anniversario della nascita di David Bowie, la Parlophone ha annunciato due nuove uscite per il 2020: un EP in straming di tracce rare e inedite dal titolo David Bowie Is It Any Wonder?, e le session CHANGESNOWBOWIE che saranno pubblicate ad Aprile per il consueto appuntamento annuale del Record Store.

David Bowie Is It Any Wonder?

Changesnowbowie is it any wonderLa prima uscita è un EP (Extended Play) del tutto digitale. Uscirà pertanto sulle consuete piattaforme di streaming musicale ma non vedrà una pubblicazione fisica. Entrambe le uscite hanno in comune la versione acustica del brano The Man Who Sold The World disponibile a partire da oggi in streaming (potete ascoltarla qui sotto). La pubblicazione del brano celebra non solo la ricorrenza del “compleanno” di Bowie, ma anche il 50esimo anniversario dalla sua composizione e registrazione. Gli altri cinque brani di David Bowie Is It Any Wonder? non hanno nulla a che vedere con CHANGESNOWBOWIE. A partire dal 17 gennaio sarà pubblicato un brano ogni settimana.

CHANGESNOWBOWIE

David Bowie ChangesNowBowie Front 696x627 Albert Watson 1996Il prossimo 18 aprile sarà invece la volta dell’album CHANGESNOWBOWIE che conterrà la registrazione di una trasmissione radiofonica andata in onda l’8 Gennaio 1997 in occasione del 50esimo compleanno di Bowie. Alcune parti di questa registrazione funsero anche da intermezzo al grande concerto celebrativo che Bowie organizzò al Madison Square Garden di New York, il Bowie 50th Birthday Bash. Se oggi i fan di Bowie nel mondo utilizzano il termine bash per eventi annuali in occasione del compleanno, è proprio grazie a quel primo evento. La session contiene nove brani suonati in acustico, una selezione di titoli per niente scontati: Repetition da Lodger, Shopping for Girls da Tin Machine II, The Supermen da The Man Who Sold The World, Quicksand da Hunky Dory.

CHANGESNOWBOWIE è stato registrato e missato ai Looking Glass Studios di New York nel Novembre 1996 durante le prove per il concerto del 50esimo compleanno.

Niente di particolarmente interessante per i fan di vecchia data che conoscono questa registrazione sotto forma di bootleg in diversi formati e con lo stesso titolo. Fa comunque piacere avere una release ufficiale. Proprio perché ben conosciuto, sebbene la Parlophone non abbia rilasciato informazioni circa la scaletta, siamo comunque in grado di saperla.

TRACKLIST CHANGESNOWBOWIE

1. The Man Who Sold The World
2. The Supermen
3. Andy Warhol
4. Repetition
5. Lady Stardust
6. White Light/White Heat
7. Shopping For Girls
8. Quicksand
9. Aladdin Sane

L’album Earthling fu pubblicato appena un mese dopo questa trasmissione. È quindi un Bowie in forma smagliante. I musicisti che lo accompagnano sono Gail Ann Dorsey (basso, voce), Reeves Gabrels (chitarra) e Mark Plati (tastiere e programmazione).

La trasmissione include un’intervista con David da parte di Mary Anne Hobbs intercalata da messaggi di auguri e domande da personaggi come Scott Walker, Damon Albarn, Bono, Robert Smith e molti altri.

Qui potete leggere la traduzione completa in italiano dell’intervista.

CHANGESNOWBOWIE sarà pubblicato, come sempre avviene per il Record Store Day, in quantità limitate. La copertina dell’album è un ritratto di David realizzato nel 1996 dal fotografo Albert Watson.

ASCOLTA IL BRANO “THE MAN WHO SOLD THE WORLD”

David Bowie | Gli eventi di gennaio 2020

0
VG eventi gennaio 2020 David Bowie
Artwork di Alessandra Bigatti

Gennaio è un mese di ricorrenze per i fan di David Bowie, e anche quest’anno il grande affetto dei fan viene ripagato con innumerevoli omaggi in tutta Italia. Ecco gli eventi tributo dedicati a David Bowie che abbiamo selezionato per voi nel mese di Gennaio 2020. Per i VelvetGoldminers il bash dei bash sarà l’11 gennaio a Roma, dove vecchi e nuovi fans avranno occasione di ritrovarsi e godere di un ricco programma con straordinari ospiti.

DAVID BOWIE GLAM NIGHT BY BOWIENEXT

Sabato 11 gennaio 2020 dalle ore 20:00 – Largo venue, Via Biordo Michelotti 2, Roma

Bowienext Glamnight Roma eventi gennaio 2020 david bowieQuest’anno il Bowie Bash italiano è senza dubbio quello che si terrà Sabato 11 Gennaio al Largo Venue di Roma. Tra i vari eventi celebrativi sparsi per l’Italia, Velvet Goldmine ha scelto di essere partner di questa bellissima iniziativa organizzata da Bowienext nella persona di Rita Rocca. E c’è un motivo: oltre allo smodato entusiasmo e alla incredibile passione che si evince nella cura dell’iniziativa, il programma è davvero straordinario. Non la solita serata con una band tributo, ma una kermesse che richiama nomi come Dana Gillespie (artista incredibile e amica di Bowie), Andy dei Bluevertigo, la compagnia di Lindsay Kemp, il giornalista Dario Salvatori e molti altri. Quindi dibattiti, Suoni e Visioni, artisti dell’aerografo con le loro opere dedicata a Bowie, truccatori, DJ Set. Una serata che promette davvero grandi emozioni. Soprattutto, un’occasione meravigliosa per incontrarsi, cantare, ascoltare, festeggiare, conoscersi e celebrare la comune passione per David Bowie.

Ecco il programma completo della serata:

ore 19.00: APERTURA AL PUBBLICO

ore 20.30 (SALA GRANDE): BOWIENEXT TALK
Proiezione di outtakes e spezzoni non andati in onda del film di Rita Rocca BOWIENEXT (Italia, 2018)
Talk con: Rita Rocca (regista RAI, Bowienext), Dana Gillespie (musicista), Francesco Donadio (Classic Rock Italia), Andy Bluvertigo (musicista), Maurizio Baiata (giornalista, Ciao 2001, Classic Rock).

ore 21.45 (SALA GRANDE): DANA GILLESPIE SHOWCASE – per la prima volta in tutta la sua carriera a Roma, la storica amica/sodale di David Bowie dai tempi della Swingin’ London e fino all’esplosione di Ziggy Stardust, Dana Gillespie, proporrà uno shiowcase di 4/5 canzoni dell’epoca Glam (tra cui “Andy Warhol”, regalatale da Bowie subito dopo averla composta).

ore 22.15 (SALA GRANDE): ANDY & LIVE BAND “DAVID BOWIE SHOW” – Andy dei Bluvertigo, al secolo Andrea Fumagalli, co-fondatore con Morgan dei Bluvertigo, darà vita a uno spettacolo che è un tributo alla memoria di uno dei pilastri della musica rock contemporanea, ma anche un artista a 360 gradi, mimo, attore, icona pop. Andy & Live Band riporteranno in vita Bowie con uno show variopinto, intenso, multidisciplinare. Sul palco del Venue, special guest, accanto a Andy si esibiranno i danzatori della Lindsay Kemp Company, Daniela Maccari e Ivan Ristallo.

Ore 24.00 (SALA GRANDE): GLAM ROCK PARTY – il dj Fabio Luzietti (Radio Sonica) farà ballare i presenti fino a tarda notte con un dj set ispirato ai primi anni 70, l’epoca di Marc Bolan, David Bowie, Gary Glitter, Suzi Quatro, Slade e Roxy Music, dei lustrini e delle paillettes.

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

STARDUST BOWIE BY SUKITA | OPENING

Sabato 4 gennaio 2020 ore 17:00 – Palazzo Fruscione, Via Adelberga 24, Salerno

Stardust Bowie by Sukita Salerno Eventi gennaio 2020 David BowieL’associazione culturale Tempi Moderni e ONO arte contemporanea, con il supporto della Regione Campania, presentano la mostra Stardust Bowie by Sukita, una retrospettiva dedicata al quarantennale rapporto professionale e personale tra David Bowie e il maestro della fotografia giapponese Masayoshi Sukita, probabilmente il più importante fotografo col quale David Bowie abbia mai lavorato. La mostra sarà aperta dal pubblico, presso gli spazi di Palazzo Fruscione, dal 4 gennaio al 27 febbraio 2020. L’evento è promosso con il patrocinio del Comune di Salerno e del Dipartimento degli studi politici e sociali dell’Università di Salerno e si compone di oltre 100 fotografie.

Alla mostra è collegato, a esclusiva cura di Tempi Moderni, un ricco programma di talk, concerti, proiezioni cinematografiche con presentazioni d’autore che va sotto il nome di Racconti del Contemporaneo – IV edizione, Lights on Mars, dal 5 gennaio al 27 febbraio.

Calendario eventi gennaio:

Musica: link

Talk: link

Cinema: link

La mostra è visitabile nei seguenti giorni e orari:
– dal Martedì al Venerdì dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 20.00. – Sabato e Domenica orario continuato dalle 10.00 alle 19.00 – Lunedì chiuso.
Il costo del biglietto è di 10 euro (intero), 8 euro (studenti dai 14 ai 24 anni), 5 euro (ridotto scuole, gruppi organizzati superiori a 25 persone, per i titolari di campania>artecard). Gratuito per bambini e ragazzi fino a 13 anni. Domenica 5 gennaio e domenica 2 febbraio ingresso ridotto per tutti al costo di 5 euro.

Info e programma completo: link

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

DAVID BOWIE IS

Sabato 4 e domenica 5 gennaio 2020 – Mamaloca, Strada del Pasubio 421, Vicenza

David Bowie is Vicenza eventi gennaio 2020Il Mamaloca presenta una due giorni incentrata su colui che è stato tra i più influenti artisti del novecento. Ecco il programma delle 2 serate:
Sabato 4 gennaio: si comincia alle 21.00 con una serie di videoproiezioni, alcune della quali davvero rare, di video in studio ed esibizioni live. Come sottofondo musicale una carrellata degli artisti che hanno preso spunto e che maggiormente hanno influenzato David Bowie nel corso della sua carriera.

Alle 22:30 un concerto imperdibile degli Scary Monsters ltd. – David Bowie & Friends Tribute Band, gruppo che da più di dieci anni reinterpreta il repertorio di Bowie in versione elettrica con alcuni momenti di atmosfera, mettendo anche in risalto la dimensione scenica sia acustica che visiva. A seguire un DJ set a cura NewWaveNight che ripercorrerà in versione “dance” gli anni sul pianeta terra dell’alieno caduto dallo spazio!

Domenica 5 gennaio: sarà una giornata più intimista. Si comincerà alle 19:00 con una esibizione tutta in acustico di Giuseppe Piol polistrumentista, cantante, produttore e remixer per artisti internazionali come Alcazar (SWE),Yellowire (UK), Nivek Tek(USA), Ivano Tolio (ITA), Annikafiore (SWE) e molti altri che reinterpreterà con il solo aiuto della chitarra i brani più significativi del Duca bianco.
I brani saranno intervallati da diapositive trasmesse su un maxischermo che faciliteranno la comprensione del brano stesso. A commentarli ci sarà Alberto Santin.

Ingresso Libero. Per info e prenotazioni tavoli tel.0444041949 cell.3475035098

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

MR. ZIGGY AND THE GLASS SPIDERS – BEING BOWIE

Domenica 5 gennaio 2020 ore 20:00 – Palazzo Fruscione, Vicolo Adelberga 24, Salerno

Mr Ziggy & the Glass Spiders Stardust Bowie by Sukita eventi gennaio 2020 David BowieNell’ ambito delle iniziative legate alla mostra Stardust Bowie by Sukita il viaggio “Alla corte del Duca” inizia dalla musica di Mr. Ziggy & The Glass Spiders, una delle tribute band più acclamate d’Italia.

Sul palco di Palazzo Fruscione oltre a Stefano Cannone frontman del gruppo, si esibiranno Gianni Russo (chitarra elettrica, cori), Pasquale Renna (tastiere, cori), Alessandro Vedovini (basso, cori) e Massimo Marraccini (batteria).

Ingresso libero su prenotazione presso l’Info point di Palazzo Fruscione oppure via e-mail a booking@tempimodernieventi.com

Evento web

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

THE D.I.V.A. – CELEBRATING DAVID BOWIE

Giovedi 9 gennaio 2020 – ore 22:30 – NOF, Borgo San Frediano 17 R, Firenze

DIVA eventi gennaio 2020 david bowieUna serata esplosiva per celebrare David Bowie e la sua musica immortale con The D.I.V.A., un acronimo che sta per “the Duke” (David Bowie), “the Idiot” (Iggy Pop) & “the Vicious” (Lou Reed) All together, un omaggio alla Sacra Triade, ma soprattutto al Duca Bianco.

Ingresso libero, non si prenota, si beve bene, si ascolta musica e ci si diverte con le stranezze spaziali della band!

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

MORGAN & THE WHITE DUKES – TRIBUTO A DAVID BOWIE

Venerdi 10 e sabato 11 gennaio 2020 ore 21:30 – Teatro comunale Mario Del Monaco, Corso del Popolo 33, Treviso

MORGAN Treviso eventi gennaio 2020 david bowieA 73 anni dalla nascita di David Bowie e a quattro anni dalla scomparsa, il teatro comunale di Treviso Mario Del Monaco omaggia il Duca Bianco con il concerto di Morgan feat The White Dukes, due serate  tributo alla musica e alle tante anime di uno degli artisti più iconici, controversi e affascinanti degli ultimi 50 anni.

Sappiamo bene che per Morgan, fondatore dei Bluvertigo, eseguire la musica di David Bowie e raccontare le sue gesta e aperture visionarie è un gesto quasi dovuto. Insieme sul palco le voci e gli strumenti dei White Dukes, con Michele Lombardi alle tastiere, Alessandro De Crescenzo alla chitarra, Marco Vattovani alla batteria, Max Pasut al basso e due voci Clara Danelon e Andrea Pegoraro a voci e ai cori.

Biglietti: link

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

MR.ZIGGY & THE GLASS SPIDERS – TRIBUTO A DAVID BOWIE

Venerdì 10 gennaio 2020 ore 22:30 – House of Rock, via Dario Campana 69, Rimini

Mr. Ziggy & the Glass Spiders Rimini eventi gennaio 2020 David BowieMr. Ziggy & The GlassSpiders – David Bowie tribute, l’inossidabile tribute-band romana sul palco per una entusiasmante celebrazione del Duca Bianco.

“I feel that we’re only heralding something even darker than ourselves.”

L’House of Rock apre a cena dalle ore 19:00

Prenota il tuo tavolo: tel.0541775803 cell. 3495605443

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

THE RISE AND FALL OF ZIGGY STARDUST – OMAGGIO A DAVID BOWIE LIVE

Venerdì 10 gennaio 2020 ore 22:00 – L’arteficio – Showroom & Art Factory, Via Bligny 18/L, Torino

The Rise and Fall of Ziggy Stardust Long Vehicle Torino Eventi gennaio 2020 David BowiePer il quarto anniversario dalla scomparsa del Duca Bianco i Long Vehicle eseguiranno dal vivo The Raise and fall of Ziggy Stardust and the spiders from Mars, l’album piu’ significativo del periodo glam ed uno dei piu’ belli della storia del rock. Precede una breve presentazione del periodo del saggista torinese con aneddotica inusuale di Erik BalzarettiIl locale apre alle 20, con possibilità di cenare alla carta dalle 20. Il live inizia alle 22.

Ingresso a offerta libera. L’ingresso è consentito ai tesserati ARCI.

E’ caldamente consigliata la prenotazione. Infoline: 011.536.09.71 (telefonate) o 339.61.70.644 (solo Whatsapp)

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

SCARY MONSTERS LTD. PLAYS DAVID BOWIE

Sabato 11 gennaio 2020 dalle ore 22:30 – Blueshouse – via Sant’ Uguzzone 26, Milano

Scary Monsters Blues House eventi gennaio 2020 David BowieSpecial Party per il doppio anniversario di Bowie: Il repertorio del Duca Bianco reinterpretato in chiave personale, in versione elettrica con alcuni momenti più d’atmosfera, facendo ampio ricorso a medley, citazioni sorprendenti e mettendo in risalto anche la dimensione scenica di un’icona sia musicale che visiva. Il set degli SCARY MONSTERS ltd include anche alcune cover di altri artisti “satelliti” del “pianeta Bowie”, tra cui Iggy Pop, Queen, Rolling Stones, T-Rex, Alice Cooper.

Apertura ore 21:30 / Live dalle ore 22:45 ca. Ingresso € 12 prima consumazione compresa. Prevendite su DIY: link

Prenotazioni: info@blueshouse.it

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

BOWIE BLUEBIRD – BOWIE NIGHT

Sabato 11 gennaio 2020 ore 21:00 – GLUE Alternative Concept Space, Viale Manfredo Fanti, 20, Firenze

Bowie Bluebird Glue eventi gennaio 2020 David BowieI Bowie Bluebird tornano a suonare live con una nuova formazione e tante novità per chi segue da tempo questa interessante band nel panorama toscano.
Il pianoforte e le tastiere entrano ufficialmente nella line up grazie a Federico Sagona, che si occuperà anche dei cori. Entra anche Alberto Checcacci che è chitarrista, cantante, autore e produttore nonché boss della Tana Del Rascal Recording Studio. Al basso troviamo Marco Polidori, session man di chiara fama in Toscana, spesso sul palco con Giuseppe Scarpato, Giacomo Castellano e i Fun Quartet. Alla batteria resta Marco Confetti, direttore della Scuola di batteria Scuderie Capitani nella sede di Prato, recording artist e con un disco solista in arrivo. Alla chitarra ancora Lorenzo Bartolini, nonché grafico e web master della band, creatore del Logo degli stessi BBB.
Alla voce e chitarra acustica, Cris Pinzauti con l’onere di cantare Bowie. Uno dei fondatori dei  Suzy Q, alle prese con il secondo album dopo “Black” e chitarrista cantante one-man-band da un decennio. Qualche cambiamento anche nella scaletta che stavolta pescherà anche da album come Outside, Earthling, The rise and fall of Ziggy Stardust e The Next Day

Ci sarà anche un nuovo outfit per la band, ma in sostanza rimane lo spirito da fan di David, con più voglia però di suonare bene, di avvicinarsi al suo mondo e al suo modo. Tanti motivi per non perdere questa serata che si preannuncia entusiasmante.

Ingresso gratuito riservato ai soci Glue/US Affrico, prenota subito la tessera a questo link

(quota annuale 10 €)

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

DAVID BOWIE DAYS

Sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020 – SD Factory laboratorio creativo, via Brigata Reggio 29, Reggio Emilia

David Bowie Days Reggio Emilia eventi gennaio 2020Una due giorni dedicata a David Bowie. Il progetto DAVID BOWIE DAYS, alla sua seconda edizione, è un mash-up tra arte, musica, visual e storytelling.

Sabato 11 Gennaio:

ore 18:00 inaugurazione della mostra collettiva Crossing Bowie, con opere a cura di Valentina Carrera, Giuseppe Orsenigo, Ivano Boselli, Linda Grittini, Giuliano Grittini, Antonella Torquati, Daniele Gozzi.

ore 20:00 apericena a buffet (con consumazione maggiorata)

ore 21:00 le band Ziggy Stardust Odissey e Ground Control si esibiranno dal vivo.

Domenica 12 gennaio:

ore 16:00 Bowie e il Glam conferenza sotto forma di recital visual e storytelling, a cura del critico e giornalista musicale Paolo Bertazzoni, del regista video Giorgio Magarò e dell’attore Alessandro Baito

Ingresso con libera offerta.

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

STEFANO LUNA & DARIO ARENA DEGLI SCARY MONSTERS LTD. UNPLUGGED

Giovedì 16 Gennaio ore 21:00 – Ristorante Gaffurio, via Gaffurio 11 – Lodi

Scary Monsters Unplugged Eventi gennaio 2020 David BowieStefano Luna e Dario Arena per STRANE INFLUENZE 20.20 – La Rassegna Musicale per il Benessere Personale, si esibiscono in un live rigorosamente acustico in un tributo dedicato a David Bowie e gli artisti che più lo hanno influenzato.

Ingresso posto unico con consumazione
Cena su prenotazione

Info e prenotazioni: 0371 426967

Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

CARLO MASSARINI – BOWIE TO BOWIE

Venerdi 17 gennaio 2020 ore 20:30 – Teatro Ghirelli, Viale Antonio Gramsci, Salerno

Carlo Massarini Bowie to Bowie Eventi gennaio 2020 David BowieGiornalista, conduttore televisivo e radiofonico, storico protagonista di Per voi giovani, prima trasmissione Rai dedicata al rock e al pop. Carlo Massarini è una vera e propria icona della musica.

La conferenza-spettacolo è uno storytelling sui 15 anni più importanti della carriera di David Bowie. Quelli che vanno dal suo primo hit del 1969, Space Oddity, fino a Let’sDance nel 1984. Sono anni in cui Bowie si trasforma continuamente, cambiando ripetutamente personaggio, e nel contempo reinventando la musica rock contemporanea. La serata, è un racconto dettagliato, con aneddoti e ricordi, accompagnato da fotografie e clip (in studio o dal vivo) che ne contrappuntano i passaggi chiave. Con lui sul palco due giovani musicisti (chitarra e voce) che accompagneranno la performance in un racconto/concerto di grande impatto emozionale.

L’evento fa parte delle iniziative legate alla mostra Stardust Bowie by Sukita di Palazzo Fruscione.

Per informazioni e prenotazioni:
info@casadelcontemporaneo.it – Tel. 349-9438958 o presso Info point Palazzo Fruscione.

Evento Web

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

BOWIE HITS TRIBUTO A DAVID BOWIE – SCARY MONSTERS LTD. & FRIENDS

Venerdi 24 Gennaio ore 22:00 – XO Music, Food & Spirits (ex Ideal), Viale Piemonte 10, Magenta (MI)

Scary Monsters Magenta Eventi gennaio 2020 David BowieNati nel 2006, gli SCARY MONSTERS ltd. sono uno dei tributi italiani a David Bowie di più lungo corso.
Uno show elettrico sia musicale che visivo, attraverso le hits immortali del Duca Bianco.

SCARY MONSTERS ltd. is:
Stefano Luna – voce e chitarra acustica
Dario Arena – chitarre
Matteo Merlano – basso
Bartleby – batteria
Black – vocalist

Ingresso libero
Evento Facebook

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]