Look Back in Anger | Testo e Traduzione

0

LOOK BACK IN ANGER

(Lyrics by Bowie
Music by Bowie/Eno)

“You know who I am,” he said
The speaker was an angel
He coughed and shook his crumpled wings
Closed his eyes and moved his lips
“It’s time we should be going”

(Waiting so long, I’ve been waiting so, waiting so)
Look back in anger,
driven by the night
Till you come
(Waiting so long, I’ve been waiting so, waiting so)
Look back in anger,
see it in my eyes
Till you come

No one seemed to hear him
So he leafed through a magazine
And, yawning, rubbed the sleep away1
Very sane he seemed to me

(Waiting so long, I’ve been waiting so, waiting so)
Look back in anger,
driven by the night
Till you come
(Waiting so long, I’ve been waiting so, waiting so)
Look back in anger,
feel it in my voice
Till you come

(Waiting so long, ahhh…)
(Waiting so long, I’ve been waiting so, waiting so)
(repeat ad inf.)

GUARDA INDIETRO CON RABBIA

(Testo di Bowie
Musica di Bowie/Eno)

“Lo sai chi sono” disse
A parlare era un angelo
Tossì e si stiracchiò le ali spiegazzate
Chiuse gli occhi e mosse le labbra
“È ora di andare”

(Ho atteso così a lungo, ho atteso così a lungo)
Guardo indietro con rabbia,
guidato dalla notte
Fino al tuo arrivo
(Ho atteso così a lungo, ho atteso così a lungo)
Guardo indietro con rabbia,
la vedo nei miei occhi
Fino al tuo arrivo

Nessuno sembrò ascoltarlo
Così cominciò a sfogliare una rivista
E sbadigliando cancellò il sonno1
E mi sembrò così equilibrato

(Ho atteso così a lungo, ho atteso così a lungo)
Guardo indietro con rabbia,
guidato dalla notte
Fino al tuo arrivo
(Ho atteso così a lungo, ho atteso così a lungo)
Guardo indietro con rabbia,
la sento nella mia voce
fino al tuo arrivo

(Ho atteso così a lungo, ahhh)
(Ho atteso così a lungo, ho atteso così a lungo)
(ripete all’inf.)

NOTE

La canzone è stata registrata con il titolo provvisorio “Fury“, titolo che si avvicina alla frenetica traccia di accompagnamento.

Mi è venuto in mente questo tema degli angeli e degli Angeli della Morte, che è il personaggio più temuto. Ma questo parla di un Angelo della Morte malridotto“. David Bowie, Melody Maker, 1979

Malgrado il titolo del brano rimandi all’omonima opera teatrale del 1956 di John Osborne, il brano non condivide alcuna tematica con il dramma. Sono invece due scene: il protagonista riceve la visita di un angelo con le ali spiegate, prima che i due personaggi si allontanino verso un destino sconosciuto. La seconda parte della canzone è collocata nell’era moderna, dove una persona sfoglia oziosamente una rivista, in attesa dell’arrivo di una persona non identificata.

1 Il termine “sleep” può anche significare il sonno eterno della morte

Autore

  • Crew DBI

    La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.

    Visualizza tutti gli articoli
Articolo precedenteD.J. | Testo e Traduzione
Articolo successivoBoys Keep Swinging | Testo e Traduzione
Crew DBI
La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti