Quicksand | Testo e Traduzione

7

QUICKSAND

(Bowie)

I’m closer to the Golden Dawn 1
Immersed in Crowley’s uniform of imagery 2
I’m living in a silent film
Portraying
Himmler’s sacred realm 3
Of dream reality
I’m frightened by the total goal
Drawing to the ragged hole
And I ain’t got the power anymore
No I ain’t got the power anymore

I’m the twisted name on Garbo’s eyes
Living proof of Churchill’s lies 4
I’m destiny
I’m torn between the light and dark
Where others see their target
Divine symmetry
Should I kiss the viper’s fang
Or herald loud the death of Man
I’m sinking in the quicksand of my thought
And I ain’t got the power anymore

CHORUS
Don’t believe in yourself
Don’t deceive with belief
Knowledge comes with death’s release

I’m not a prophet or a Stone Age man
Just a mortal with potential of a superman
I’m living on
I’m tethered to the logic of Homo Sapiens
Can’t take my eyes from the great salvation
Of bullshit faith
If I don’t explain what you ought to know
You can tell me all about it
On the next Bardo 5
I’m sinking in the quicksand of my thought
And I ain’t got the power anymore

CHORUS

SABBIE MOBILI

(Bowie)

Sono più vicino all’Alba Dorata 1
Immerso nell’uniforme figurativa di Crowley 2
Sto vivendo un film muto
Che rappresenta
il sacro reame di Himmler 3
fatto di realtà onirica
Sono spaventato dall’obiettivo assoluto
Che trascina verso il baratro
E non ho più il potere
No, non ho più potere.

Sono il nome distorto negli occhi della Garbo
La prova vivente delle menzogne di Churchill4
Sono il destino
Sono combattuto tra la luce e l’oscurità
Dove gli altri vedono il proprio obiettivo
Divina simmetria
Dovrei baciare il dente della vipera
O proclamare ad alta voce la morte dell’Uomo
Sto affondando nelle sabbie mobili del mio pensiero
E non ho più potere.

RITORNELLO
Non credere in te stesso
Non ingannare con la fede
La conoscenza viene con la liberazione della morte.

Non sono un profeta o un uomo dell’età della pietra
Solo un mortale con potenziale da superuomo
Continuo a vivere
Sono incatenato alla logica dell’Homo Sapiens
Non riesco a distogliere lo sguardo dalla grande salvezza
Di una fede del cazzo
Se non spiego quello che dovreste sapere
Mi potrete dire tutto quanto
Nel prossimo Bardo5
Sto affondando nelle sabbie mobili del mio pensiero
E non ho più il potere.

RITORNELLO

NOTE

1 Ordine magico-religioso-scientifico dedicato agli insegnamenti di Crowley. L’Hermetic Order of the Golden Dawn (Ordine Ermetico dell’Alba Dorata) era un ordine nato alla fine del XIX secolo, dedicato allo studio dell’occultismo e della magia. Aleister Crowley fu iniziato nell’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata il 18 novembre 1898 dal leader del gruppo, Samuel Liddell MacGregor Mathers. Crowley prese il motto magico e il nome “Frater Perdurabo”, che interpretò come “Resisterò fino alla fine”.

2 Aleister Crowley fu un famoso occultista inglese della prima metà del ‘900. Pseudonimo di Edward Alexander Crowley, è stato un esoterista, scrittore e alpinista britannico. Nel 1898 si unì all’Ordine Ermetico dell’Alba Dorata che lo porterà a trascorrere un periodo in Egitto, dove compose l’opera The Book of the Law, nel 1904 e a fondare la religione di Thelema.

3 Heinrich Luitpold Himmler (Monaco di Baviera, 7 ottobre 1900 – Luneburgo, 23 maggio 1945) è stato un generale, politico e criminale di guerra tedesco, Reichsführer delle Schutzstaffel (le famigerate SS) dal 1929, comandante della polizia dal 1936 e delle forze di sicurezza del Terzo Reich dal 1939. Fu uno dei principali responsabili dell’Olocausto.

4 Winston Churchill (1874-1965) è stato un politico, oratore e scrittore britannico nato il 30 novembre 1874 e morto il 24 gennaio 1965 a Londra. È stato primo ministro del Regno Unito due volte, dal 1940 al 1945 durante la Seconda Guerra Mondiale e nuovamente dal 1951 al 1955. Churchill è stato un leader carismatico che ha guidato il Regno Unito dalla soglia della sconfitta alla vittoria durante la Seconda Guerra Mondiale.

5 Nella religione Tibetana il Bardo è lo stato intermedio dell’anima dopo la morte e prima della reincarnazione.

Autore

  • Crew DBI

    La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.

    Visualizza tutti gli articoli
Articolo precedenteKooks | Testo e Traduzione
Articolo successivoFill Your Heart | Testo e Traduzione
Crew DBI
La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

7 Commenti
Più vecchio
Più recente I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
echoes
echoes
5 anni fa

solo io sono sopraffatto dalla bellezza di questo pezzo?

Teresa
Teresa
Rispondi a  echoes
4 anni fa

Anche io sono sopraffatta, come per tutta la sua opera

Stefano Spadari
Stefano Spadari
5 anni fa

Ascoltai la prima volta Hunky Dory in estate 1971 e da allora ho acquistato due copie del lp (uno fu rovinato da un amico poco attento a cui mai più prestai dischi).
E’ un’opera sublime semplice e maestosa allo stesso tempo.
Quicksand è un’apoteosi. Meravigliosa anche la versione più scarna, pubblicata solo in cd qualche anno fa.

Walter
Walter
Rispondi a  Stefano Spadari
2 anni fa

Hunky Dory fu pubblicato in Dicembre 1971. Forse ti confondi con l’estate del 1972

Mauro
Mauro
3 anni fa

Uno dei miei pezzi preferiti di David Bowie, leggendo il testo ho colto cose che mi sono sfuggite all’ascolto.
Amazing!

Saverio Lillo
Saverio Lillo
2 anni fa

Spero che David Bowie, rimanga il meno possibile nel bardo, perché il mondo e l’umanita senza di lui ha perso molto.

Cosmo
Cosmo
1 anno fa

Bowie, oltre 45 anni prima della sua morte, con questo brano affrontava culturalmente il tema della “dipartita” …argomento poi ripreso un attimo prima di lasciarci con Blackstar (testamento musicale)