Starman | Testo e Traduzione

12

STARMAN

(Bowie)

Didn’t know what time it was and the lights were low
I leaned back on my radio
Some cat was layin’ down some rock ‘n’ roll
‘lotta soul, he said

Then the loud sound did seem to fade
Came back like a slow voice on a wave of phase
That weren’t no D.J. that was hazy cosmic jive

CHORUS
There’s a Starman waiting in the sky
He’d like to come and meet us
But he thinks he’d blow our minds
There’s a Starman waiting in the sky
He’s told us not to blow it
‘Cause he knows it’s all worthwhile
He told me:
Let the children lose it
Let the children use it
Let all the children boogie

I had to phone someone, so I picked on you
Hey, that’s far out, so you heard him too!
Switch on the TV
we may pick him up on channel two
Look out your window, I can see his light
If we can sparkle,
he may land tonight
Don’t tell your poppa,
or he’ll get us locked up in fright!

CHORUS (x2)

La, la, la, la, la, la, la, la

L’UOMO DELLE STELLE

(Bowie)

Non sapevo che ora fosse e le luci erano basse
Mi appoggiai alla mia radio
Qualche tizio stava mandando del rock’n’roll
con tanta anima, così disse

Poi il volume del suono sembrò come sfumare
E tornò indietro come una voce lenta su un’onda di fase
Non era un DJ, era una confusa danza cosmica

RITORNELLO
C’è un uomo delle stelle che aspetta in cielo
Vorrebbe venire e incontrarci
Ma pensa che potrebbe scioccarci
C’è un uomo delle stelle che attende in cielo
Ci ha detto di non sprecare questa occasione
Perché lui sa che ne vale la pena
Mi ha detto:
lascia che i bambini lo perdano
lascia che i bambini lo usino
lascia che tutti i bambini ballino

Dovevo chiamare qualcuno così ho scelto te
Ehi, è davvero strano, allora l’hai sentito anche tu
Accendi la TV
magari riusciamo a prenderlo sul secondo canale
Guarda fuori dalla finestra, riesco a vedere la sua luce
Se mandiamo segnali luminosi
potrebbe atterrare stanotte
Non dirlo al tuo papà
o ci farà rinchiudere terrorizzato

RITORNELLO (x2)

La, la, la, la, la, la, la, la

NOTE

La versione definitiva di “Starman” fu registrata ai Trident Studios il 4 febbraio 1972, insieme a “Suffragette City” e “Rock ‘N’ Roll Suicide”. Ci vollero undici riprese, un numero insolitamente alto per uno efficiente come Bowie.

Il salto di ottava nel ritornello ha una netta somiglianza con il brano “Over The Rainbow”, cantata da Judy Garland nel film Mago di Oz. Secondo il batterista Mick “Woody” Woodmansey, Bowie ha intenzionalmente basato la sua canzone sul classico del 1939: “Per quanto ci ha riguardato, Ziggy Stardust era già pronto, ma Defries andò da Bowie e gli disse che la RCA aveva bisogno di un singolo. A loro piaceva l’album, ma non pensavano che avesse una canzone in grado di catturare immediatamente l’attenzione del pubblico. Scriverò la mia “Somewhere Over the Rainbow””, disse Bowie, sedendosi a scrivere una canzone sulla sua chitarra acustica”.

Sebbene sappiamo che il concept di Ziggy Stardust è forzato e frutto di concetti successivi, questo l’inquadramento dato da Bowie nella storia: “Ziggy viene consigliato in sogno dagli infiniti di scrivere la venuta di uno starman, così scrive “Starman”, che è la prima notizia di speranza che il popolo ha sentito. Così si aggrappano immediatamente a questa notizia. Gli starmen di cui parla si chiamano infiniti e sono saltatori di buchi neri. Ziggy ha parlato di questo straordinario astronauta che scenderà per salvare la Terra. Arrivano da qualche parte nel Greenwich Village. Non hanno alcuna preoccupazione al mondo e non sono di alcuna utilità per noi. Sono semplicemente incappati nel nostro universo saltando in un buco nero. La loro vita consiste nel viaggiare da un universo all’altro“.

Autore

  • Crew DBI

    La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.

    Visualizza tutti gli articoli
FONTEMick
Articolo precedenteMoonage Daydream | Testo e Traduzione
Articolo successivoIt Ain’t Easy | Testo e Traduzione
Crew DBI
La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

12 Commenti
Più vecchio
Più recente I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vito
Vito
6 anni fa

Stupenda canzone unica

giulio gennari
giulio gennari
5 anni fa

Bellissima. L’ho sentita tante volte, ma il testo, e il suo significato, ho cominciato a comprenderlo solo di recente.

mm
mm
Rispondi a  giulio gennari
5 anni fa

Dillo anche a me, perché scoprire che è solo una metafora sul rock mi ha lasciato un po’ perplesso

Bruno
Bruno
5 anni fa

Bruno. É una fantastica e indimenticabile canzone.Bellissima

Giorgio
Giorgio
5 anni fa

Mi sfugge il significato di “Let the children lose it. Let the children use it. Let all the children boogie” a cosa si riferisce? di cosa parla? grazie in anticipo per il possibile chiarimento. Per il resto, stupenda canzone che sa illustrare le parole come un film.

Loretta
Loretta
5 anni fa

Grazie mille a voi di VG ☺️

roberto GORI
roberto GORI
5 anni fa

mi chiedo chi è l’uomo delle stelle

Noah Choe
Noah Choe
Rispondi a  roberto GORI
2 anni fa

ZYGGY Stardust, l’alter ego di David Bowie

Ultima modifica di 2 anni fa da Noah Choe
claudio cortesi
claudio cortesi
4 anni fa

Bello come il sole lui, bella come la luna questa canzone

Ross/Pincy/1
Ross/Pincy/1
3 anni fa

.David Bowie cantava, sdraiato dietro, sull’R5 colore oro….cantava sommesso e io guardava gli occhi imprevisti e neri di quel ragazzo…mentre David ci diceva che TUTTO il nostro mondo valeva davvero la pena…..e noi, i suoi bambini, potevamo giocarci e perderne anche il senso…ma non l’avremmo distrutto perché solo noi ci eravamo accorti di quell’uomo delle stelle..e del suo raccontare. Dio, quanto è dura vivere ORA, quando allora AVEVO QUELLO.

Gigi
Gigi
1 anno fa

la prima volta che ascoltai STARMAN era il 1976 e mi ricorda il mio primo bacio