The London Boys (1966) | Testo e Traduzione

THE LONDON BOYS

(David Bowie)

Cow bell strikes another night
Your eyes are heavy
and your limbs all ache
You’ve bought some coffee, butter and bread
You can’t make a thing
’cause the meter’s dead 1
You moved away
Hold your folks you’re gonna stay away

Bright lights, Soho, Wardour street 2
You hope you make friends
with the guys that you meet
Somebody shows you round
Now you’ve met the London boys
Things seem good again
Someone cares about you

Oh, the first time
that you try a pill
You feel a little queasy, decidedly ill
You’re gonna be sick,
but you mustn’t lose face
To let yourself down would be a big disgrace
With the London boys,
with the London boys.

You’re only seventeen,
but you think you’ve grown
In the month you’ve been away
from your parents’ home

You take the pills too much
You don’t give a damn
about that jobs you’ve got
So long as you’re with the London boys

A London boy,
oh a London boy
Your flashy clothes
are your pride and joy
A London boy, a London boy
You’re crying out loud
that you’re a London boy
You think you’ve had a lot of fun
But you ain’t got nothing, you’re on the run
It’s too late now, cause you’re out there boy
You’ve got it made with the rest of the toys
Now you wish
you’d never left your home
You’ve got what you wanted
but you’re on your own
With the London boys
Now you’ve met the London boys.

THE LONDON BOYS

(David Bowie)

Il suono del campanaccio segna un’altra notte
Hai gli occhi stanchi
e hai dolore ovunque
Hai comprato del caffè, del burro e del pane
Non riesci a fare niente
perché il misuratore è rotto 1
Ti sei trasferito
Abbraccia i tuoi cari perché starai via a lungo

Luci brillanti, Soho, Wardour street 2
Speri di fare amicizia
con i tipi che incontri
Qualcuno ti fa da guida
Ora hai incontrato i ragazzi di Londra
Sembra che le cose vadano di nuovo bene
Qualcuno ci tiene a te

Oh, la prima volta
che provi una pasticca
Senti un po’ di nausea, stati proprio male
Stai per rimettere,
ma non puoi perdere la faccia
Deludere te stesso sarebbe un vero peccato
Con i ragazzi di Londra,
con i ragazzi di Londra.

Hai solo diciassette anni,
ma pensi di essere diventato grande
Nel mese in cui sei stato lontano
dalla casa dei tuoi

Prendi troppe pasticche
Non te ne frega niente
del lavoro che hai
Finché sei con i ragazzi di Londra

Un ragazzo di Londra,
oh un ragazzo di Londra
I tuoi vestiti sgargianti
sono il tuo orgoglio e la tua gioia
Un ragazzo di Londra, un ragazzo di Londra
Stai urlando a squarciagola
che sei un ragazzo di Londra
Pensi di esserti divertito un sacco
Ma non hai nulla, sei sempre in fuga
È troppo tardi ora, perché sei là fuori ragazzo
Ce l’hai fatta insieme al resto dei giocattoli
Ora spereresti
di non essertene mai andato di casa
Hai avuto quello che volevi
ma sei da solo
Con i ragazzi di Londra
Ora hai incontrato i ragazzi di Londra.

NOTE

Bowie scrisse The London Boys nel 1965, registrandola per la prima volta alla fine di quell’anno con il suo gruppo The Lower Third per l’etichetta Pye Records, che rifiutò il brano. La registrò di nuovo per l’audizione che gli assicurò il contratto con la Deram. Registrata il 18 ottobre 1966 e pubblicata il 2 dicembre 1966 come b-side di Rubber Band. L’etichetta statunitense di Bowie, la Decca, rifiutò il brano a causa dei riferimenti alla droga, sostituendolo con There Is a Happy Land.

Il brano è una critica amara alla Swinging London degli anni ’60 e riprende il tema in voga all’epoca del ragazzo di provincia che lascia tutto per cercare fortuna nella grande città.

Fu registrata nuovamente nel 2000 in una splendida versione nostalgica per l’album Toy, che racchiudeva rivisitazioni di vecchi brani. Toy è stato pubblicato solo 21 anni dopo, nel 2021. Qui potete ascoltare la versione originale.

1 Dal riferimento al “meter” (misuratore) e alla “cow bell” (il campanaccio) capiamo che il protagonista è un minatore. Il misuratore (in realtà i minatori ne usavano di diversi tipi) servivano a verificare la percentuale di ossigeno in alcune gallerie o la presenza di gas. Il campanaccio veniva suonato per indicare l’inizio o la fine di un turno.

2 Wardour Street è una strada del popolare quartiere centrale di Soho, City of Westminster, Londra. È stata il centro della Swinging London con la presenza d’importanti locali della scena musicale, tra cui il Marquee Club dove David Bowie si esibì molte volte.

Autore

  • Crew DBI

    La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.

    Visualizza tutti gli articoli
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti