A Londra dal 2025 il museo dedicato a David Bowie

0

Dal Maggiore Tom a Ziggy Stardust e Aladdin Sane, i molti volti e le ispirazioni di David Bowie stanno per avere una sede permanente a Londra. Il Victoria & Albert Museum della Gran Bretagna ha annunciato giovedì di aver acquisito l’archivio di Bowie, composto da oltre 80.000 oggetti, come dono dell’eredità del defunto musicista. Il tesoro di costumi, strumenti musicali, lettere, testi, foto e altro ancora sarà aperto al pubblico in un nuovo centro artistico dedicato alla camaleontica icona pop. Il David Bowie Centre for the Study of Performing Arts sarà inaugurato nel 2025 nell’ambito del V&A East Storehouse, un’estensione del museo nazionale d’arte, design e spettacolo del Regno Unito che sta sorgendo nel Parco Olimpico di Londra.

La notizia che aspettavamo da anni finalmente è arrivata: oltre 80.000 oggetti che coprono sei decenni di carriera di David Bowie saranno resi disponibili al pubblico per la prima volta in forma permanente a Londra, in un nuovo museo che si chiamerà “David Bowie Center for the Study of Performing Arts”.

Oggi il V&A comunica di aver acquistato l’archivio di David Bowie per renderlo accessibile al pubblico, consentendo di scoprire i processi creativi di una delle figure più rivoluzionarie e influenti nella storia della musica live e incisa, del cinema, della moda e non solo. A partire dal 2025, l’archivio sarà reso disponibile al pubblico, dai fan ai ragazzi delle scuole e ai ricercatori, attraverso la creazione del David Bowie Centre for the Study of Performing Arts presso il V&A East Storehouse, nel Queen Elizabeth Olympic Park di Stratford. L’acquisizione e la creazione del Centro sono state rese possibili grazie al David Bowie Estate e a una generosa donazione di 10 milioni di sterline da parte della Blavatnik Family Foundation e del Warner Music Group.

L’archivio, che comprende una collezione di oltre 80.000 oggetti, ripercorre i processi creativi di Bowie come innovatore musicale, icona culturale e cultore dell’espressione e della reinvenzione di sé, dagli inizi della sua carriera negli anni Sessanta fino alla sua morte nel 2016. Oltre alla creazione del nuovo Centro, la donazione sosterrà la conservazione, la ricerca e lo studio dell’archivio.

Tristram Hunt, direttore del V&A, ha dichiarato: “David Bowie è stato uno dei più grandi musicisti e interpreti di tutti i tempi. Il V&A è entusiasta di diventare custode del suo incredibile archivio e di poterlo aprire al pubblico. Le innovazioni radicali di Bowie nel campo della musica, del teatro, del cinema, della moda e dello stile – da Berlino a Tokyo a Londra – continuano a influenzare il design e la cultura visiva e a ispirare creativi come Janelle Monáe, Lady Gaga, Tilda Swinton e Raf Simons. Il nostro nuovo centro per le collezioni, il V&A East Storehouse, è il luogo ideale per mettere l’opera di Bowie in collegamento con la collezione del V&A che abbraccia 5.000 anni di arte, design e performance. I miei più sentiti ringraziamenti vanno alla David Bowie Estate, alla Blavatnik Family Foundation e al Warner Music Group per aver contribuito alla realizzazione di questo progetto e per aver fornito un nuovo archivio per tutti i Bowie di domani“.

davidbowieis4

Questo archivio, che copre l’intera storia di Bowie, contiene testi scritti a mano, lettere, spartiti, costumi originali, abiti di moda, fotografie, film, video musicali, scenografie, gli strumenti musicali dell’artista, le illustrazioni degli album e i premi. Include anche scritti più privati, riflessioni e progetti non realizzati, la maggior parte dei quali è inedita.

Tra i pezzi forti figurano i costumi di scena, come i completi di Ziggy Stardust di Bowie disegnati da Freddie Burretti (1972), le sgargianti creazioni di Kansai Yamamoto per il tour di Aladdin Sane (1973) e il cappotto Union Jack disegnato da Bowie e Alexander McQueen per la copertina dell’album Earthling (1997). L’archivio comprende anche testi scritti a mano per canzoni come Fame (1975), “Heroes” (1977) e Ashes to Ashes (1980), nonché esempi del metodo di scrittura “cut up” introdotto a Bowie dallo scrittore William Burroughs. L’archivio contiene anche una serie di taccuini personali di ogni epoca storica della vita e della carriera di Bowie.

Sono presenti anche un collage di fotogrammi del film L’uomo che cadde sulla Terra (1975-76), diretto da Nicholas Roeg e interpretato da Bowie, e più di 70.000 fotografie, stampe, negativi, lucidi di grande formato, diapositive e pellicole a contatto di alcuni dei più importanti fotografi del XX secolo, da Terry O’Neill a Brian Duffy e Helmut Newton. Tra le altre cose, strumenti, amplificatori e altre apparecchiature, tra cui il sintetizzatore EMS di Brian Eno, presente negli album fondamentali “Low” (1977) e “Heroes” di Bowie, e uno Stylophone, regalo di Marc Bolan alla fine degli anni Sessanta, utilizzato per la registrazione di “Space Oddity” di Bowie.

Sir Leonard Blavatnik, fondatore e presidente di Access Industries e della Blavatnik Family Foundation, ha dichiarato: “Siamo davvero orgogliosi di poter sostenere il V&A e di permettere la creazione di questo insostituibile archivio per preservare e valorizzare il percorso leggendario di David Bowie. La sua influenza sulla musica e sulla cultura popolare di tutto il mondo non potrà mai essere sopravvalutata”.

Max Lousada, CEO, Recorded Music, Warner Music Group, ha dichiarato: “In qualità di custodi dello straordinario catalogo musicale di David Bowie, siamo lieti di ampliare il nostro rapporto con la sua proprietà attraverso questa partnership con il V&A. Questo archivio promette di essere un’esposizione senza precedenti di genialità artistica, invenzione e trasformazione individuale. L’influenza di Bowie non fa che amplificarsi nel tempo e questa sarà una celebrazione duratura della sua profonda eredità“.

davidbowieis1 900x506 1

Un portavoce della David Bowie Estate ha dichiarato: “Con l’ingresso dell’opera di David nelle collezioni nazionali del Regno Unito, egli va a occupare il posto che gli spetta tra molte altre figure culturali e geni artistici. Il David Bowie Centre for the Study of Performance – e la possibilità di vedere il lavoro di David “dietro le quinte” offerta dal V&A East Storehouse – consentirà di condividere il lavoro di David con il pubblico in modi che non sono mai stati possibili prima d’ora”, e siamo lieti di lavorare a stretto contatto con il V&A per continuare a onorare la profonda influenza culturale di David“.

Nile Rodgers ha dichiarato: “Credo che tutti concorderanno con me sul fatto che, guardando agli ultimi 60 anni di musica post-Beatles, se un solo artista potesse essere presente al V&A questo dovrebbe essere David Bowie. Non ha solo fatto arte, è stato arte!“.

Tilda Swinton, una delle amiche e collaboratrici di David Bowie, ha dichiarato: “Nel 2013, la mostra David Bowie Is… del V&A ci ha fornito la prova indiscutibile che Bowie è un modello di artista spettacolare, che non solo ha realizzato un’opera unica e fenomenale, ma che ha un’influenza e un’ispirazione che vanno ben oltre l’opera stessa. A dieci anni di distanza, la continua natura rigenerante del suo spirito cresce sempre di più in termini di rilevanza popolare e portata culturale attraverso le nuove generazioni. Nell’acquisire il suo archivio per i posteri, il V&A sarà ora in grado di offrire accesso alla storia di David Bowie – e al tesoro che rappresenta – non solo agli artisti professionisti di tutti i settori, ma anche a ciascuno di noi, e per il futuro prossimo. È una notizia davvero straordinaria, che merita la più sincera gratitudine e le congratulazioni di tutti coloro che l’hanno resa possibile“.

Il V&A East Storehouse sarà un nuovo tipo di esperienza museale progettata all’interno e intorno alle collezioni conservate del V&A. Portando i visitatori a scoprire il dietro le quinte, consentirà un accesso senza precedenti alle collezioni nazionali, in una nuova sede appositamente costruita per oltre 250.000 oggetti, 350.000 libri e 1.000 archivi. Il V&A East Storehouse riunisce laboratori di conservazione, depositi operativi, sale di ricerca e di lettura con gallerie, spazi espositivi e performativi e studi creativi, tutti riuniti attraverso un’ampia rete pubblica incentrata sulla Collections Hall, per creare un’esperienza di visita unica. Presso il David Bowie Centre for the Study of Performing Arts del V&A East Storehouse, a partire dal 2025, i fan potranno conoscere da vicino il processo creativo di Bowie come mai prima d’ora.

L’Archivio David Bowie si aggiunge alle collezioni Theatre & Performance del V&A, che comprendono gli archivi di persone e organizzazioni influenti, da Vivien Leigh a Peter Brook, alla Akram Khan Dance Company, al Royal Court Theatre e al Glastonbury Festival. L’acquisizione fa seguito all’innovativa mostra del 2013 del V&A, David Bowie Is…, che ha rappresentato la prima volta in cui un museo ha avuto accesso senza precedenti all’archivio di David Bowie. La mostra è stata vista da oltre due milioni di persone in tutto il mondo nell’ambito del suo tour internazionale, diventando una delle mostre più popolari di tutti i tempi del V&A.

Articolo precedenteAladdin Sane: vinile half-speed e picture disc il 14 aprile
Articolo successivoMoonage Daydream: la colonna sonora in vinile
Crew DBI
La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti