David Bowie e Bing Crosby: la storia completa dell’improbabile duetto natalizio

David Bowie Bing Crosby Peace on earth little drummer boy Testata

Il duetto natalizio di David Bowie e Bing Crosby, Peace On Earth/Little Drummer Boy, è diventato un classico stagionale molto amato. Ecco perché.

Ecco la storia completa del duetto Peace On Earth/Little Drummer Boy di David Bowie e Bring Crosby, e il motivo per cui è stato necessario scrivere una canzone di Natale completamente nuova per realizzarla.

Quando David Bowie si unì a Bing Crosby negli Elstree Studios di Londra per girare un duetto per uno degli speciali natalizi più famosi del cantante, Bing Crosby’s Merrie Olde Christmas del 1977, si trattava di un’accoppiata quanto mai improbabile. Cantando un medley di Peace On Earth/Little Drummer Boy, tuttavia, i due campioni vocali crearono un classico stagionale che rimane una delle migliori canzoni natalizie di tutti i tempi. Bowie colse anche l’occasione per filmare una performance della sua canzone “Heroes” per la trasmissione, aggiungendo anche un inaspettato tocco art-rock al tradizionale programma natalizio di Crosby.

Il retroscena

Bowie era nel pieno della sua “era berlinese” quando accettò di partecipare a Merrie Olde Christmas di Bing Crosby.

All’inizio dell’anno era uscito il suo album Low, che avrebbe segnato il futuro, e il suo seguito, “Heroes”, era previsto per ottobre.

Avendo fatto poche apparizioni pubbliche per Low, Bowie, che avrebbe organizzato un tour completo a sostegno di “Heroes”, si era impegnato a fondo nella promozione del nuovo album.

David Bowie Bing Crosby Peace on Earth Little Drummer Boy

Quando i produttori televisivi della CBS, Gary Smith e Dwight Hemion, già artefici dell’ultimo speciale televisivo di Elvis Presley, Elvis In Concert, invitarono Bowie a partecipare all’ultima celebrazione stagionale di Crosby, gli diedero l’opportunità di raggiungere un pubblico mainstream completamente nuovo.

Per Bowie si trattava del mercato statunitense e dell’esposizione di ‘Heroes’“, ha dichiarato in seguito alla rivista Uncut Sue Scott, un’assistente di produzione che ha lavorato sul set degli Elstree Studios. Bowie aveva anche una ragione più personale per accettare di apparire, dicendo ai produttori: “Faccio lo show perché mia madre ama Bing Crosby“.

Inizialmente ero un po’ preoccupato che Bing e Bowie non avrebbero funzionato“, ha ammesso Gary Smith al Cleveland Plain Dealer, prima della data di trasmissione dello speciale, “ma hanno lavorato bene insieme. E sono sicuro che Bowie si sente orgoglioso di aver avuto l’opportunità di lavorare con Crosby“.

Lo speciale

Poiché la star di White Christmas era in tournée nel Regno Unito nel periodo in cui doveva essere girato Bing Crosby’s Merrie Olde Christmas, l’idea alla base dello speciale del 1977 prevedeva che il cantante ricevesse una lettera da un lontano parente, il fittizio Sir Percival Crosby, che invitava Crosby a trascorrere le feste con lui nella sua villa in Inghilterra. “Lo speciale natalizio di Crosby era molto tradizionale, come quello di Andy Williams, con tutta la famiglia coinvolta”, ha spiegato Sue Scott.

Oltre a Bowie, lo speciale includeva la vera famiglia di Crosby (sua moglie Kathryn e i loro tre figli, Harry, Mary e Nathaniel). E anche la top model Twiggy (apparsa sulla copertina dell’album Pin Ups di Bowie), gli attori Ron Moody (nei panni di Sir Percival e dell’ex proprietario della casa, Charles Dickens) e Stanley Baxter (nei panni di una serie di buffi membri dello staff). Come era tradizione per molti ospiti dello show natalizio di Crosby, Bowie si esibì in una scenetta con il conduttore, dando vita al duetto che sarebbe passato alla storia come uno dei più belli del Natale. Non prima però che un cambio di programma dell’ultimo minuto costringesse i creatori dello show a scrivere una canzone completamente nuova.

La canzone

Con l’inizio delle riprese previsto per le 10 dell’11 settembre 1977, Bowie arrivò sull’elaborato set di Merrie Olde Christmas di Bing Crosby indossando una lunga pelliccia. La sua prima richiesta – una bottiglia d’acqua – è stata abbastanza facile da esaudire, dopo che qualcuno ne ha portata una da un vicino Sainsbury. La seconda, invece, è stata un po’ più complicata da risolvere.

David Bowie Bing Crosby Peace on Earth Little Drummer Boy

Avevamo deciso che volevamo che duettassero in Little Drummer Boy“, ha ricordato Larry Grossman, che, insieme a Ian Fraser, era uno dei supervisori musicali della produzione. Parlando in occasione del documentario American Masters: Bing Crosby Rediscovered, Grossman ha continuato: “E quando abbiamo detto a Bowie del numero, lui ha risposto: “Non canterò quella canzone”“. Alla domanda sul perché, Bowie ha risposto senza mezzi termini: “Odio quella canzone“.

Poiché la traccia di sottofondo era già stata registrata dal direttore del gruppo britannico Jack Parnell e dalla sua band jazz, Grossman, Fraser e lo sceneggiatore dello spettacolo, Buz Kohan, non potevano fare molto. Rintanati in un seminterrato di Elstree, si affrettarono a trovare una soluzione. “Abbiamo deciso che il modo migliore per salvare l’arrangiamento era fare un controcanto che si inserisse tra gli spazi e magari scrivere un nuovo bridge, e vedere se potevamo venderglielo“, ha detto Kohan. Con il tempo che stringeva, il trio ha scritto il testo e la linea vocale di una canzone che ha intitolato Peace On Earth. “Direi che nel giro di un’ora l’abbiamo scritta e siamo riusciti a presentargliela di nuovo“, ha detto Kohan.

Le riprese

Nel giro di un’altra ora, Bowie e Crosby avevano elaborato le loro parti per quello che era il medley Peace On Earth/Little Drummer Boy. “Si sedettero al pianoforte e David era un po’ nervoso“, ha raccontato Mary Crosby a Billboard nel 2014. “Papà si rese conto che David era un musicista straordinario e David si rese conto che papà era un musicista straordinario. Si vedeva che erano a proprio agio l’uno con l’altro, e poi avvenne la magia“.

Bing amava la sfida“, ha confermato Kohan. “Ed è stato in grado di trasformarsi senza perdere nessuno dei Crosby-ismi – quella sensazione di rilassatezza e l’atmosfera che creava sempre ogni volta che era davanti alla telecamera“.

Questa sensazione di rilassatezza è filtrata nella scena prevista dal copione, in cui Bowie arriva a casa di Sir Percival Crosby, sperando di poter usare il pianoforte, e i due si scambiano battute sulla fortuna dell’allora settantasettenne Crosby (“Oh, non sei il parente povero dell’America, vero?“) e sui gusti musicali del più giovane Bowie (“Ma dimmi, hai mai ascoltato qualcuno dei più vecchi?“. “Oh sì, certo. Mi piace John Lennon e l’altro, Harry Nilsson“. “Oh. Vai così indietro nel tempo, eh?“). Afferma che ogni anno fa “un tentativo” con la canzone simbolo di Crosby, White Christmas, e Bowie prende gli spartiti di un brano che riconosce come “il preferito di mio figlio“.

La performance

Guardando da dietro le quinte, il figlio di Bowie, Duncan Jones, che allora aveva sei anni, ha davvero riconosciuto la canzone che Bowie e Crosby hanno iniziato a cantare.

In seguito, scrivendo su Twitter (ora X), ha dichiarato: “Ricordo di essere stato sul set per queste riprese, di aver incontrato il signor Crosby e di aver pensato: “Oh! Stanno cantando quella canzone che papà stava provando in cucina!”“.

David Bowie Bing Crosby Peace on Earth Little Drummer Boy

Dopo aver inizialmente armonizzato con Crosby sulla strofa iniziale di Little Drummer Boy, Bowie si stacca nella nuova Peace On Earth – “Can it be? /Years from now, perhaps we’ll see” – con la sua voce più acuta che scivola dolcemente sul registro basso di Crosby. “L’abbiamo suonata un paio di volte sul set e hanno cantato dal vivo con un microfono a braccio che si muoveva tra le due voci“, ha raccontato Sue Scott a Uncut.

Oltre a duettare con Crosby in Peace On Earth/Little Drummer boy, Bowie registrò una performance di “Heroes”, che sarebbe stato pubblicato di lì a due settimane come primo singolo dell’omonimo album. Un mix tra l’oscuro video promozionale della canzone, diretto da Stanley Dorfman (che in precedenza aveva girato l’acclamato concerto dei Led Zeppelin del 1970 alla Royal Albert Hall di Londra), e le routine mimiche che Bowie era solito recitare durante l’era di Ziggy Stardust, il clip presentava una nuova emozionante interpretazione vocale cantata da Bowie sulla traccia originale della canzone, e creava un netto contrasto con la precedente interpretazione di Crosby e Twiggy di Have Yourself A Merry Little Christmas. “Little Drummer Boy era una cosa, ma ‘Heroes’ era un qualcosa di completamento diverso“, ha ricordato Scott.

Riflettendo sull’incongruenza qualche mese dopo, il produttore Gary Smith ha dichiarato a Billboard: “Non si ingaggia qualcuno per quello che fa e poi non gli si lascia fare quello che fa“.

IL SUCCESSO

Bing Crosby’s Merrie Olde Christmas ha debuttato negli Stati Uniti sulla CBS, il 30 novembre 1977, ed è stato ripreso da ITV nel Regno Unito, dove è andato in onda la vigilia di Natale, cinque anni dopo il concerto di Natale che Bowie aveva tenuto al Rainbow Theatre di Londra. “Non ci saremmo mai aspettati di sentirne parlare di nuovo“, ha detto lo sceneggiatore Buz Kohan. Ma ben presto la registrazione di Peace On Earth/Little Drummer Boy avrebbe ottenuto una pubblicazione autonoma, andando a trovare un pubblico più vasto di quanto Bowie potesse immaginare.

David Bowie Bing Crosby Peace on Earth Little Drummer Boy

Al lancio di MTV, nell’agosto del 1981, Bowie balzò immediatamente nella classifica degli artisti più ascoltati del canale. Il suo videoclip Ashes To Ashes, pubblicato l’anno precedente, era stato uno dei video musicali più originali di tutti i tempi e aveva stabilito il passo per i migliori video promozionali degli anni Ottanta. In mancanza di filmati per le feste natalizie da mandare in onda, MTV non ci mise molto a puntare sulla collaborazione tra Bowie e Bing, inserendo l’esecuzione di Peace On Earth/Little Drummer Boy da parte del duo in heavy rotation durante il periodo natalizio.

Con Bowie in procinto di pubblicare il suo album commerciale Let’s Dance, Peace On Earth/Little Drummer boy fu pubblicato come singolo il 27 novembre 1982, accompagnato da Fantastic Voyage, una canzone che era apparsa inizialmente nell’album Lodger del 1978. Bing Crosby era morto di infarto un mese dopo aver girato con Bowie, ma quando il singolo raggiunse il n. 3 nel Regno Unito, realizzò uno degli ultimi desideri del cantante. “Potrebbero pubblicarlo come disco“, aveva ipotizzato Crosby alla BBC nelle settimane precedenti la sua morte. “Mi si aprirebbe un intero campo, se riuscissi a creare un legame con David Bowie“.

L’eredità

Forse Crosby non è vissuto per vederne il successo, ma nei decenni trascorsi da quando lui e Bowie hanno cantato insieme Peace On Earth/Little Drummer Boy, il medley è entrato a far parte della tradizione natalizia, insieme ai “regali, all’albero, alle decorazioni” che Bowie diceva a Crosby di aver preparato con la sua famiglia ogni stagione natalizia.

In effetti, sebbene rimanga una delle canzoni natalizie più sorprendenti a non raggiungere la posizione numero 1, il Washington Post ha dichiarato che Peace On Earth/Little Drummer Boy è “uno dei duetti di maggior successo nella storia della musica natalizia“, e la canzone è diventata il duetto natalizio più suonato dalla stazione radio locale di Washington, DC, 97.1 WASH-FM. “Esce ogni anno“, ha dichiarato Bowie al talk show di Jonathan Ross. “Continua a entrare nelle classifiche di Natale!“.

Con le ristampe che affiorano regolarmente – tra cui la raccolta Re:Call 3, pubblicata come parte del cofanetto del 2017 A New Career In A New Town (1977-1982), e una rielaborazione con la London Symphony Orchestra, per l’album Bing At Christmas del 2019 – Peace On Earth/Little Drummer Boy fa parte del tessuto culturale. E la strana coppia David Bowie e Bing Crosby ha catturato l’immaginazione di artisti del mondo della musica e non solo.

Dopo aver lasciato il segno sul Natale con l’immortale Fairytale Of New York, l’ex frontman dei Pogues Shane MacGowan si è unito al trio vocale irlandese The Priests per registrare una cover di Peace On Earth/Little Drummer Boy nel 2010. Nello stesso anno, due team comici hanno reso omaggio al duetto di Bowie e Crosby: Jack Black (che canta la parte di Bowie) e Jason Segal (che canta quella di Crosby) ne hanno fatto una parodia in una versione rockeggiante animata per il servizio di streaming Dropout, mentre Will Ferrell (Bowie) e John C Reilly (Crosby) si sono attenuti in gran parte al copione – con la lingua ben piantata nelle guance – per un remake quasi girato per Funny Or Die.

La cover di Shane McGowan con i The Priests (2010)
Il remake di Will Ferrell e John C Reilly (2010)

Lo stesso Bowie ha fatto luce sull’insolita accoppiata due decenni dopo la trasmissione originale, raccontando al conduttore televisivo Conan O’Brien che Crosby “ha detto di aver amato il periodo di ‘Heroes’. Ha cercato per mesi di convincere [il collaboratore Brian] Eno a lavorare con lui sul suo prossimo album“. Ma mentre Bowie rivelerà che il settuagenario Crosby “stava forse ricordando molto nella sua mente“, e sembrava dimenticare il nome di Bowie con una certa regolarità durante le riprese, era anche consapevole che, insieme, avevano creato qualcosa di duraturo.

Non ne sono sicuro, ma credo che lavorare con Bing abbia portato Bono a lavorare con Frank [Sinatra]“, suggerì Bowie alla rivista Q nel 1999, mentre promuoveva il suo album incentrato sulla mortalità, ‘hours…‘. “Ho creato un precedente… Penso che la cosa con Bing sia la più assurda… è meraviglioso da guardare“.

NOTA

Questo approfondimento è basato sull’articolo originale di Jason Draper apparso su ThisisDig! nel 2023, con rielaborazioni, approfondimenti e aggiunte da parte nostra.

Autore

Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti