Scary Monsters (and Super Creeps) (1980) | Discografia

David Bowie Scary Monsters Cover Copertina
01It’s No Game (No. 1)4:20
02Up the Hill Backwards3:15
03Scary Monsters (and Super Creeps)5:12
04Ashes to Ashes4:25
05Fashion4:49
06Teenage Wildlife6:56
07Scream Like a Baby3:35
08Kingdom Come3:45
09Because You’re Young4:54
10It’s No Game (No. 2)4:22

Tutti i brani sono composti da David Bowie ad eccezione di Kingdom Come scritta da Tom Verlaine

Informazioni

Data di Uscita
12 Settembre 1980

Registrazione
Power Station Studios, New York e ai Good Earth Studios, Londra – Febbraio/Aprile 1980

Produzione
David Bowie, Tony Visconti

Recensione

Con la superba prova di Scary Monsters – un disco che ha trovato d’accordo critica e pubblico – il profeta si mette a nudo, nonostante il fatto che un disegno nasconda la vera foto di copertina e che il volto di Bowie vada immaginato pesantemente truccato.

Questa volta il make-up perfetto delle immagini passate è già disfatto e il clown si trasforma in un personaggio dell’espressionismo: un immediato suggerimento per non essere confuso con l’ondata “new romantic”?

Bowie, senza creare un alter ego, parla del suo pensiero (It’s no Game), ritrova un gusto per la narrazione da tempo dimenticato e mimando la fatica ad articolare e ad esprimersi di chi si riabilita alla parola (la metrica sforata in Teenage Wildlife) comunica pienamente le sue forti tensioni (Scream like a Baby). Si confronta con i mostri che da tempo lo tormentano (Scary Monsters, un brano che diventa un’inquietante terapia) per scoprire che non sono tutti dentro di lui, ma il mondo ne è affollato (Up the Hill backwards, Fashion): certezza che lo accompagnerà almeno fino ai video per Earthling. Le dissonanze (Teenage Wildlife) e le affermazioni perentorie (Because You’re Young) pongono Bowie e quest’opera a pieno titolo nel filone tipicamente inglese degli autori arrabbiati (da Osborne in poi) ma scevri da dogmatismi.

Il disco è molto composito: alle pulsanti parti ritmiche studiate e pensate con minuziosità, si sovrappongono gli interventi solistici di Robert Fripp (sublime in Scary Monsters) e Townshend che portano ventate di intelligente modernità. Il resto del team (Alomar, Davis, Murray e naturalmente Tony Visconti) è collaudato e infonde a Bowie fiducia e sicurezza. La stratificazione musicale raggiunge esiti sofisticati (Ashes to Ashes) e perfettamente bilanciati (Because You’re Young, Scary Monsters).

Le cacofonie alternate agli assoli accentuano la metafora dell’arte come forza creatrice – anche di immagini inquietanti – che pervade tutta l’opera. Il punto di vista di Bowie è spesso esplicito: lo “svelamento” della copertina corrisponde a questo suo nuovo modo di raccontare e di raccontarsi ed è così che rabbia (la geisha che urla come un samurai o Scream Like a Baby), malinconia (It’s no Game part 2) o disillusione (Fashion) si alternano e si contrastano di brano in brano.

Tornano i riferimenti religiosi (Kingdom Come, “cenere alla cenere”) ma questa volta trasformati dalla particolare presa di coscienza di tutto l’album contro ogni razzismo e contro il sonno della ragione che “produce mostri”. Il proprio passato viene filtrato unendo disincanto e malinconia (Ashes to Ashes).

Scary Monsters con le sue dolenti ossessività e la sua assenza di accondiscendenza è “L’Urlo di Munch” di Bowie e come tale non poteva che essere un punto di non ritorno: quando uscì venne inteso quale segnale di come sarebbero stati gli anni ottanta per questo artista ormai cresciuto, ma la storia ha insegnato che davanti ad un bivio anche gli “eroi” sanno smarrirsi.

di Pierluigi Buda – Heathen958

Musicisti

David Bowie
(voce, chitarre, tastiere, sax, koto)
Carlos Alomar
(chitarra)
George Murray
(basso)
Dennis Davis
(batteria)
Robert Fripp
(chitarra)
Chuck Hammer
(chitarra)
Roy Bittan
(piano)
Andy Clark
(sintetizzatori)
Pete Townsend
(chitarra su Because You’re Young)
Tony Visconti
(chitarra acustica su Scary Monsters e Up the Hill Backwards)
Lynn Maitland, Chris Porter
(cori)
Michi Hirota
(voce in It’s No Game No.1)
 

CREDITI
Duffy
(foto di copertina)
Natasha Kornilof
(costumi)
Edward Bell
(illustrazioni)
Larry Alexander, Jeff Hendrickson
(assistenti ingegneri)
Peter Mew, Nigel Reeve
(addetti al mastering)
 

david bowie lodger

ALBUM PRECEDENTE

Lodger (1979)
Let's Dance Bowie

ALBUM SUCCESSIVO

Let’s Dance (1983)

Autore

  • Crew DBI

    La Crew al timone di David Bowie Italia | Velvet Goldmine è formata da Daniele Federici e Paola Pieraccini. Daniele Federici è organizzatore di eventi scientifici ed è stato critico musicale per varie testate, tra cui JAM!. E' autore di un libro su Lou Reed del quale ha tradotto tutte le canzoni, prima di farlo con quelle di Bowie. Paola Pieraccini, imprenditrice fiorentina, è presente su VG fin dall'inizio e lo segue dagli anni '70. Entrambi hanno avuto modo di incontrare Bowie come rappresentanti del sito.

    Visualizza tutti gli articoli
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti